Lo spostamento di un gigantesco iceberg visto dai satelliti: ha percorso più di mille chilometri in tre anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un enorme lastra di ghiaccio è alla deriva, dopo essersi staccata dalla piattaforma Larsen C nel 2017. Un colosso che oggi, a distanza di tre anni, ha raggiunto l’Atlantico meridionale a circa 1050 km dalla sua città natale. A monitorarlo sono i satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea.

Era il 12 luglio 2017 quando il colossale iceberg si staccò dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide. È uno dei più grande iceberg di sempre, con una superficie di circa 5.800 kmq.

Oggi questa montagna di ghiaccio è sotto osservazione anche dallo spazio e ha quasi raggiunto le Isole Orcadi del Sud, a circa 1050 km dalla sua posizione originaria.

Quando l’iceberg A-68 iniziò il suo viaggio, era circa il doppio del Lussemburgo e uno dei più grandi mai registrati. La sua caduta cambiò per sempre il profilo della penisola antartica. Nonostante la sua area, ha uno spessore abbastanza ristretto, pari a circa 200 metri.

Ora in balia delle correnti marine, potrebbe frantumarsi ulteriormente. Negli ultimi tre anni, le missioni satellitari come Copernicus Sentinel-1  dell’Esa hanno sorvegliato l’iceberg mentre si spostava nell’Oceano Antartico. Per i primi due anni, esso è rimasto vicino alla calotta glaciale originaria, ostacolato dal ghiaccio marino.

Ma in seguito ha perso vari pezzi di ghiaccio, dando vita ad altri iceberg più piccoli. Proprio in questi giorni, l’Agenzia spaziale europea ha pubblicato una sua immagine nell’Oceano Atlantico meridionale, scattata il 5 luglio scorso dalla missione radar Copernicus Sentinel-1.

L’immagine che vedete in copertina mostra l’iceberg pochi giorni prima del suo terzo “compleanno”.

Qui invece la foto di A-68 scattata a febbraio 2020.

A-68

©Esa

Purtroppo quest’imponente lastrone si sta spostando molto velocemente. Nell’ultimo anno, il suo ritmo di deriva è aumentato molto come mostra anche la mappa dell’Esa:

A-68 mappa

©Esa

Un motivo in più per tenerlo sotto controllo visto che si sta avvicinando sempre di più alle estremità meridionali dell’America e dell’Africa.

Fonti di riferimento: Esa

LEGGI anche:

Un enorme iceberg si è staccato dal ghiacciaio più a rischio dell’Antartide, le scioccanti immagini satellitari

Il più grande iceberg degli ultimi 50 anni si è staccato dall’Antartide (ma era già previsto dagli scienziati)

Quest’iceberg gigante si è staccato dall’Antartide, ed è 5 volte più grande di Manhattan 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook