Groenlandia: scoperto un Gran Canyon sotto i ghiacci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un Gran Canyon sotto i ghiacci polari. La straordinaria scoperta è legata a un’eventualità molto più tragica che sensazionale: entro il 2100 la Groenlandia potrebbe sciogliersi. Gli esperti hanno lanciato un vero e proprio allarme in proposito. La colpa è dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento delle temperature, che ha interessato anche l’area del Polo Nord.

Il Canyon al di sotto dei ghiacci della Groenlandia è lungo circa 750 chilometri e tocca una profondità di 800 metri. Per le sue dimensioni è stato paragonato al Gran Canyon dell’Arizona. Il gruppo di ricerca, di cui fa parte l’Italiano Giorgio Spada, dell’Università di Urbino, ha reso nota la propria scoperta attraverso la rivista Science, all’interno di un articolo che porta il titolo di “Paleofluvial Mega-Canyon Beneath the Central Greenland Ice Sheet”.

Il Canyon è stato individuato grazie all’impiego di speciali radar ed è situato nella porzione settentrionale della Groenlandia. La sua formazione è avvenuta più di 4 milioni di anni fa, prima che si formassero i ghiacci. Il tunnel è stato scavato dal passaggio di un grande fiume. I ricercatori lo hanno scoperto per caso, mentre si stavano occupando di mappare la base rocciosa dei ghiacciai della Groenlandia, nel corso dei propri studi sui cambiamenti climatici.

Il Canyon è ora coperto da un manto di ghiaccio dello spessore di almeno 3 chilometri, come riporta la BBC. Gli esperti ritengono che il Canyon giochi un ruolo molto importante nel trasporto dell’acqua di scioglimento dei ghiacciai, prodotta alla loro base, verso l’oceano. Il professor Jonathan Bomber, autore principale dello studio, ha dichiarato che le immagini dal satellite non bastano a confermare che la mappatura della terra sia stata completata. Al di sotto dei ghiacci potrebbe nascondersi ancora qualcosa di inaspettato.

grand canyon

Fonte foto: Ansa

Nessun uomo ha mai potuto osservare il Canyon da vicino, in quanto la sua formazione e la glaciazione hanno preceduto l’arrivo della vita umana sulla terra. Se i ghiacciai della Groenlandia si sciogliessero del tutto, provocherebbero un innalzamento del livello del mare pari a 7 metri, sommergendo numerose città costiere. A questo proposito gli esperti hanno già espresso i propri timori per metropoli come New York. Che cosa succederà se non riusciremo a fermare i cambiamenti climatici?

Marta Albè

Fonte foto: bbc.co.uk

Leggi anche:

Boschi al posto dei ghiacci in Groenlandia entro il 2100

Cambiamenti climatici: New York, Boston e Miami scompariranno entro il 2100

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook