Grande America, il naufragio di cui nessuno parla: la macchia di petrolio e veleni ora si dirige verso la Spagna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La chiazza di petrolio fuoriuscita dalla nave cargo Grande America si sta dirigendo verso la Spagna. L’attenzione sulla marea nera che vaga da ormai due settimane al largo delle coste francesi è ancora alta.

Finora le autorità marittime avevano ipotizzato che i veleni fuoriusciti dal cargo potessero raggiungere le coste della Francia, in particolare quelle della Nuova Aquitania ma queste potrebbero essere risparmiate dall’inquinamento dovuto al naufragio della Grande America nel Golfo di Biscaglia.

Tuttavia, nonostante le operazioni di recupero, il petrolio è ancora in mare e si sta avvicinando sempre di più alla Spagna. A fornire gli ultimi aggiornamenti è stata la Prefettura Marittima dell’Atlantico.

Secondo l’ultima mappa rilasciata dalla prefettura, il fronte dell’inquinamento mercoledì alle 17 circa si trovava a circa 260 chilometri dalla Gironda e 220 chilometri dalla costa spagnola.

mappa grande america

“L’inquinamento si stava muovendo prima verso est in direzione della costa francese (Charente-Maritime/Gironde) ma poi si spostato a sud-est (Landes/Pays-Basque), quindi a sud e ora a sud-ovest” ha detto a Reuters il portavoce della prefettura marittima atlantica, il tenente comandante Riaz Akhoune.

L’inquinamento potrebbe quindi interessare la Spagna nordoccidentale. La nota positiva, sottolinea il portavoce, è che l’inquinamento è localizzato. Purtroppo, il peggioramento delle condizioni meteorologiche da domenica nell’area in cui operano le apparecchiature di controllo dell’inquinamento non ha facilitato il lavoro di pulizia.

Due delle imbarcazioni che hanno partecipato alle operazioni sono arrivate mercoledì al porto di La Rochelle per scaricare gli inquinanti recuperati e spedire altre attrezzature necessarie, tra cui rotoli e panne assorbenti. Una terza barca ha fatto lo stesso a Gijon, in Spagna.

Queste tre navi continueranno ancora le operazioni di pulizia visto che le condizioni meteo dovrebbero migliorare a partire da oggi e rimanere stabili fino all’inizio della prossima settimana.

A queste si aggiungerà anche la nave specializzata Island Pride, noleggiata dall’armatore italiano per ispezionare il relitto della Grande America.

“La nave specializzata Island Pride, noleggiata dall’armatore per ispezionare il relitto della Grande America, è attualmente a Vigo. La sua attrezzatura per l’area di affondamento è prevista per domani, con un arrivo entro la fine della settimana” spiega la prefettura marittima.

Speriamo che le operazioni possano rimuovere grandi quantità di inquinanti evitando così danni anche alle coste.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook