Disastro Gorgona: oggi l’interrogazione al ministro Lupi sui 71 fusti tossici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ricordate la storia di Gorgona e dei fusti di tossici persi dall’eurocargo Venezia della Grimaldi Lines il 17 dicembre del 2011? Erano 71 i bidoni dispersi (solo 127 furono ritrovati). Bene, sono ancora lì. Flora e fauna dell’arcipelago toscano ringraziano.

Oggi, il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi è chiamato a rispondere sull’incidente in Commissione Ambiente alla Camera all’interrogazione degli onorevoli Realacci e Mariani e su quella analoga a prima firma dell’onorevole De Rosa sottoscritta da altri parlamentari Cinque Stelle.

Lo scorso dicembre, Realacci aveva già presentato un’interrogazione sul caso ai ministri dell’Ambiente e della Salute, “per sapere a che punto sia il monitoraggio dell’area in cui occorse l’incidente e quali siano le iniziative in atto per arrivare al completo recupero dei fusti tossici ed escludere definitivamente qualsiasi rischio per la salute dei cittadini e dell’ambiente e come si intenda assicurare alle autorità competenti le risorse necessarie alle operazioni di recupero”.

40 le tonnellate di sostanze tossiche disperse sui fondali del Tirreno, a circa 20 miglia dalla costa di Livorno e nel bel mezzo del Santuario dei cetacei, una delle aree marine protette più importanti d’Europa. Le sostanze sono dei veri e proprio catalizzatori di ossidi di cobalto altamente infiammabili se asciutti ed è per questo che da subito Legambiente Arcipelago Toscano ha chiesto alle istituzioni un impegno forte per la ricerca e il recupero dei fusti. Fusti che, come spiega Realacci “potrebbero essersi inabissati fra l’isola di Gorgona e il banco di Santa Lucia”.

L’interrogazione è volta anche a sapere se la compagnia Grimaldi Lines sia stata chiamata a concorrere al recupero dei fusti e a sostenerne i costi, se si intenda accertare l’esatta dinamica dell’incidente e se si intenda determinare il danno ambientale provocato dall’incidente stesso.

Una questione ancora largamente aperta, insomma. E intanto in fondo al mare giacciono delle bombe.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Fusti tossici eurocargo “Venezia”: individuati con buona approssimazione a nord-ovest dell’isola di Gorgona

Fusti tossici nel Santuario dei cetacei: urge chiarezza e il recupero dei veleni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook