Ginevra a rischio: un antico tsunami distrusse la citta’. Potrebbe accadere ancora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La città svizzera di Ginevra potrebbero essere a rischio inondazioni. Un antico tsunami verificatosi nel 563 d.C. nella parte opposta rispetto a dove sorge Ginevra. Allora, una grande quantità di massi precipitò dalle montagne vicino al delta del Rodano, circa a 70 chilometri dalla città, portando al collasso la foce del fiume. Onde alte anche 10 metri si riversarono fin sopra le mura della città svizzera. E adesso i ricercatori hanno trovato la prima prova geologica di tale disastro.

Il team, formato da Katrina Kremer, Guy Simpson e Stéphanie Girardclos, della Section of Earth and Environmental Sciences della University of Geneva, ha trovato le prove dello tsunami durante la creazione di profili ad alta risoluzione della composizione dei sedimenti del lago di Ginevra con una tecnica simile ai sonar, ma che utilizza le onde sismiche. In questo modo, gli scienziati hanno esaminato la parte più profonda del lago ginevrino e hanno prelevato dei campioni, nei quali hanno scovato un deposito a forma di lente, subito ricondotto ad un evento catastrofico risalente al 563 d.C. e definito ‘Tauredunum’. Tale deposito era spesso mediamente 5 metri di e copriva 50 chilometri quadrati. I profili sismici hanno mostrato un “livello molto strano e molto diverso” di stati depositatisi nel corso di un unico evento, come ha spiegato Stéphanie Girardclos geologo del team di ricerca.

Un’onda alta 13 metri avrebbe colpito anche Losanna 15 minuti dopo la caduta dei massi, e un’onda di 8 metri ha poi raggiunto Ginevra dopo 70 minuti. L’indagine ha mostrato inoltre che altri grandi sedimenti si sono depositati sul fondo del lago dopo grandi eventi negli ultimi 10.000 anni.

I risultati, pubblicati su Nature Geoscience, suggeriscono che la regione sia ancora oggi potenzialmente a rischio. Un milione sono gli abitanti che vivono sulle rive del lago, di essi 200.000 persone soltanto a Ginevra. “È certamente successo prima e credo che ci possiamo aspettare che probabilmente accadrà ancora una volta,” ha detto il geologo Guy Simpson. “Ci sono molte, molte più persone che vivono intorno al lago“, ha osservato Girardclos.

Il rischio tsunami dal lago è stato sottovalutato in passato“, ha aggiunto Max Engel dell’Università di Colonia, in Germania. Ma anche altri laghi con simili caratteristiche geologiche corrono i medesimi rischi. Un’ulteriore analisi dei nuclei più profondi dovrebbe consentire alla squadra di saperne di più sulle dimensioni e la frequenza di questi eventi. Ciò potrebbe aiutare a valutare il rischio per la città e le comunità che abitano sulle rive del lago.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook