Oltre 100.000 gigli e tulipani sono stati falciati in Giappone per evitare assembramenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per evitare assembramenti tra le persone potrebbero fermarsi ad ammirare i fiori, oltre 100mila tra gigli e tulipani dei parchi giapponesi sono stati falciati nei giorni scorsi.

Il coronavirus non risparmia la natura: diecimila gigli sono stati eliminati dal Lily Field Park Okinawa e la stessa sorte è toccata a circa 100mila tulipani in un parco di Sakura, a 50 km da Tokyo.

Generalmente i gigli fioriscono a partire dal mese di maggio ma quest’anno, a causa delle temperature più elevate, sono sbocciati prima del previsto.

La fioritura dei gigli attira migliaia di persone in occasione del Lily Festival, la festa dei gigli che si svolge in primavera e che quest’anno non si terrà a causa dell’emergenza coronavirus.

Nonostante l’annullamento del festival, la cancellazione di numerosi traghetti diretti all’isola, la chiusura di strutture recettive, il divieto a visitare i giardini e le richieste fatte alla popolazione di evitare gite turistiche, i gestori del parco temevano che la fioritura dei gigli avrebbe comunque attirato visitatori e provocato assembramenti pericolosi.

Molti residenti in tutto il paese hanno infatti continuato a frequentare spiagge, parchi e ristoranti in queste ultime settimane. Così, per non correre rischi, il parco ha preferito eliminare i gigli, arrivati quasi a piena fioritura.

“Il nostro staff ha trascorso un anno intero a coltivarli e ha pianto mentre li tagliava”, ha dichiarato Seiji Fukushima, direttore del parco.

Il direttore del parco ha spiegato che i gigli recisi verranno regalati ai residenti e che i bulbi saranno conservati e interrati nuovamente in vista del festival previsto per il prossimo anno.

“La massima priorità è garantire la vita dei cittadini e la tenuta del sistema sanitario Vi preghiamo di comprendere che recidere i gigli e rafforzare le restrizioni all’ingresso nelle isole sono decisioni difficili”, ha spiegato il sindaco Hideyuki Shimabukuro.

Motivazioni simili hanno spinto le autorità di Sakura nel decidere di eliminare le migliaia di tulipani che in primavera tappezzano i 7mila metri quadrati del parco.

“Molti visitatori sono arrivati nel fine settimana quando i fiori erano in piena fioritura. È diventato un raduno di massa, quindi non abbiamo avuto altra scelta che prendere la decisione di tagliare i fiori ”, ha dichiarato Sakiho Kusano, funzionario del turismo.

In questo caso, i tulipani recisi sono stati donati agli asili nido della città.

Fonti di riferimento: Okinawa Times, NHK, New York Times, Reuters

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook