I ghiacciai del Monte Bianco oggi e 100 anni fa. Il confronto è impressionante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco come sono cambiati i ghiacciai del Monte Bianco in un secolo. L’impressionante confronto tra vecchie e nuove immagini

Alcune fotografie aeree scattate a distanza di un secolo ci mostrano i cambiamenti che hanno subito i ghiacciai del Monte Bianco. Il confronto tra vecchie e nuove immagini è davvero impressionante.

Vi abbiamo da poco parlato della situazione del ghiacciaio Planpincieux (sempre sul Monte Bianco), adesso due ricercatrici dell’Università di Dundee in Scozia, Kieran Baxter e Alice Watterson, hanno scattato alcune foto ai 3 ghiacciai presenti sul versante francese della montagna più alta d’Europa. Esattamente le stesse che, 100 anni prima (nel 1919), aveva realizzato il pilota e fotografo svizzero, Walter Mittelholzer,  sorvolando la vetta a bordo di un biplano.

Le foto del prima e del dopo sono state messe a confronto per vedere quali modifiche hanno subito i ghiacciai in questo lasso di tempo. Come potete vedere, la situazione non è certo rosea.

ghiacciai-monte-bianco

Le ricercatrici scozzesi hanno realizzato gli scatti sorvolando il Monte Bianco nell’agosto scorso . Ma l’impresa non è stata per niente facile, per ottenere le immagini del ghiacciaio dei Bossons, la Mer de Glace e il ghiacciaio d’Argentiere sul versante francese, hanno dovuto infatti utilizzare una particolare tecnica, (monoplotting), per arrivare a triangolare con precisione la posizione della fotocamera nello spazio aereo.

Anche a vista le esperte si sono rese conto della perdita di ghiaccio rispetto al passato ma questa è state decisamente più chiara una volta confrontate le immagini nuove con quelle di un secolo fa.

Come ha dichiarato la dottoressa Baxter:

“La portata della perdita di ghiaccio è stata subito evidente quando siamo arrivati in quota ma è solo mettendo le foto una accanto all’altra che i cambiamenti degli ultimi cento anni sono diventati visibili. È un’esperienza che toglie il fiato e spezza il cuore, soprattutto sapendo che lo scioglimento ha accelerato in maniera massiccia negli ultimi decenni”.

ghiacciai-monte-bianco

In seguito a questa esperienza il commento amaro delle ricercatrici è stato il seguente:

“A meno che non riduciamo drasticamente la nostra dipendenza dai combustibili fossili, rimarrà poco ghiaccio da fotografare tra altri cento anni”

Come sappiamo i ghiacciai si stanno sciogliendo in maniera molto veloce in tutto il mondo: vi abbiamo parlato della Groenlandia, del Monte Rosa, dell’Alaska e anche del cosiddetto Terzo Polo. Insomma, una situazione davvero critica e uno scenario molto preoccupante per tutti noi!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook