L’anidride carbonica e i gas serra nell’atmosfera terrestre hanno raggiunto livelli record. L’allarme dei ricercatori dell’OMM

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I principali gas responsabili dell’effetto serra, prima causa del riscaldamento globale, hanno raggiunto concentrazioni record nel corso del 2018.
L’allarme arriva a pochi giorni dalla COP25, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si terrà a Madrid dal 2 al 13 dicembre.

Secondo il bollettino annuale redatto dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), i livelli di anidride carbonica prodotta dalle attività umane e registrata nel 2018 è pari a 407,8 parti per milione (ppm), il 147% in più rispetto ai livelli registrati nell’era preindustriale: un livello di CO2 paragonabile a quello noto 3 milioni di anni fa.

“Va ricordato che l’ultima volta che la Terra ha avuto concentrazioni simili di CO2 è stato tra i 3 e i 5 milioni di anni fa: la temperatura era da 2 a 3 ° C più alta di oggi e il livello del mare era da 10 a 20 metri più alto dell’attuale livello “, ha spiegato Petteri Taalas, segretario generale dell’OMM, in occasione della pubblicazione del bollettino annuale sui gas serra.

Purtroppo non ci sono segni che fanno sperare in una diminuzione di anidride carbonica e altri gas serra a breve termine. La tendenza infatti è in continuo aumento: nel 2017, la CO2 corrispondeva a a 405,5 parti per milione.

Anche le concentrazioni di alti composti sono aumentate in misura maggiore rispetto agli ultimi dieci anni e risultano in costante crescita.

Il metano oggi in atmosfera è pari 1869 parti per miliardo, mentre l’ossido di azoto è aumentato a 333,1 ppb, rispettivamente oltre il 250% e il 120% in più rispetto ai livelli preindustriali.

“Non vi è alcun segno di rallentamento nella concentrazione di gas serra nell’atmosfera nonostante tutti gli impegni previsti dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici,
Dobbiamo tradurre gli impegni in azioni e aumentare il livello di ambizione per il bene del futuro benessere dell’umanità” ha dichiarato Taalas.

La continua crescita di gas serra significa infatti che le generazioni future dovranno far fronte a impatti sempre più gravi dei cambiamenti climatici, tra cui temperature in aumento, condizioni meteorologiche sempre più estreme, innalzamento del livello del mare, siccità e distruzione degli ecosistemi marini e terrestri. Negli ultimi trent’anni, l’effetto di questi gas sul clima è aumentato del 43%.

Ciò che preoccupa ancora di più l’OMM è che, anche diminuendo le emissioni, la quantità di gas serra rimarrebbe comunque troppo alta per diverso tempo, poiché la CO2 permane nell’atmosfera per secoli e negli oceani ancora più a lungo.

“I risultati del Bollettino dei gas serra dell’OMM e del Rapporto sulle carenze delle emissioni dell’UNEP ci indicano una chiara direzione: in questo periodo critico, il mondo deve fornire azioni concrete e intensificate sulle emissioni.
Siamo di fronte a una scelta netta: mettere in moto le trasformazioni radicali di cui abbiamo bisogno ora o affrontare le conseguenze di un pianeta radicalmente modificato dai cambiamenti climatici”., ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP).

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook