Fuoriuscita di acido fluoridrico: a Porto Marghera il secondo incidente in due mesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Porto Maghera trema ancora. Nei giorni scorsi si è verificato un altro incidente nella stessa zona in cui a maggio si è verificato un terribile incendio che ha avvelenato l’aria e anche le acque. Una zona la cui sicurezza sembra non essere del tutto garantita.

Questa volta è stata una fuoriuscita di acido fluoridrico all’interno di un’azienda chimica, la Fluorsid Alkeemia (ex Solvay Fluor) di Porto Marghera. Immediato l’intervento dell’Arpa Veneto, dei Vigili del Fuoco e della Polizia locale che hanno circoscritto la perdita della pericolosa sostanza.

E’ accaduto il 9 luglio scorso attorno alle 4 del mattino quando la Polizia locale e la Protezione Civile del Comune di Venezia hanno informato che si era verificata la fuoriuscita di acido fluoridrico.

Dai primi interventi dei Vigili del fuoco è emerso che non vi erano rischi per la popolazione, ma l’Arpa ha avviato un’indagine.

Sul posto i tecnici ARPAV del rischio industriale hanno acquisito informazioni per una valutazione dell’entità e per la ricerca delle cause:

“I rappresentanti aziendali hanno riferito che si era trattato di un trafilamento di acido fluoridrico da una flangia rilevato dalla rete aziendale di rilevazione delle sostanze pericolose. In seguito al rilascio è stata data attuazione al piano di emergenza interno di stabilimento e la squadra di emergenza interna è intervenuta intercettando il rilascio mentre si è attivata automaticamente la cortina d’acqua per l’abbattimento della perdita e la protezione del reparto interessato dall’evento” spiega l’Arpav secondo cui

“considerate le ridotte dimensioni della tubazione e la bassa pressione di esercizio del tratto di linea interessato dalla rottura è ipotizzabile un rilascio contenuto, abbattuto dalla stessa cortina d’acqua”.

Sarebbe stata una mancata tenuta di una guarnizione all’origine del problema. Fa sapere l’Arpav che una volta che sarà bonificata la tubazione e sarà smontata la flangia, presumibilmente venerdì prossimo, sarà eseguito un altro sopralluogo insieme ai tecnici del Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Venezia per verificare le cause del rilascio.

Per fortuna la fuoriuscita sembra sia rimasta circoscritta all’intero dello stabilimento ma ancora l’esatta dinamica, così come le eventuali conseguenze, sono da accertare.

Due mesi fa il terribile incendio di Porto Maghera

Esattamente due mesi fa – era il 15 maggio – un incendio divampò presso lo stabilimento specializzato in prodotti chimici 3V Sigma. I danni furono molto gravi, tra cui l’inquinamento delle acque della laguna e in particolare quelle del Canale Lusore-Brentelle e una vera e propria strage di pesci.

“Due incidenti chimici nel giro di neanche due mesi sono troppi. Fortunatamente l’episodio all’ex Solvay Flour non sembra gravissimo, a differenza del rogo alla 3V Sigma, ma è comunque un segnale allarmante. Occorre rafforzare la prevenzione in maniera seria, investendo risorse adeguate” ha detto Andrea Zanoni, consigliere regionale e vicepresidente della commissione Ambiente.

Un’area industriale, quella di Porto Marghera, tra le più grandi d’Europa e forse anche tra le meno sicure.

Fonti di riferimento: Comune di Venezia, Arpa Veneto, AndreaZanoni

LEGGI anche:

Porto Marghera, incendio alla Veritas. Paura per la nube nera

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook