Fukushima: livelli record di radioattività. Mai così alti (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fukushima, sono passati ormai 6 anni dall’incidente nucleare che ha colpito la centrale di Daichii a causa del terremoto e dello tsunami che colpirono il Giappone. Ma i livelli di radioattività sono ancora molto alti all’interno di uno dei reattori danneggiati e la situazione sta diventando preoccupante.

Si parla di 530 Sievert per ora, una quantità per gli esperti inimmaginabile, addirittura al di sopra di quella registrata subito dopo il disastro. Al momento sono in corso delle indagini per capire qual è la causa visto che il massimo valore raggiunto finora era di 73 Sievert rilevato nel 2012.

Dal canto suo, Tepco, la società che gestisce l’impianto, si è giustificata dicendo che la telecamera si trovava più all’interno del reattore rispetto a prima ed era concentrata su un unico punto. Secondo Tepco, inoltre i livelli di radiazione altrove sono molto più bassi.

Ma non si possono dormire sonni tranquilli dalle parti di Fukushima. Un singolo sievert è sufficiente a causare malattie, 5 Sievert potrebbero ucciderebbe le persone che vi si espongono entro un mese.

LEGGI anche: FUKUSHIMA: GLI EFFETTI DEL DISASTRO NUCLEARE DURERANNO CENTINAIA DI ANNI

Anche la telecamera ha poi dato forfait, ma non prima di aver filmato un buco di circa due metri di diametro e tracce di un materiale solido scuro. Potrebbe trattarsi di combustibile esausto, mentre il foro potrebbe essere stato causato da combustibile nucleare fuso.

Anche i robot inviati per indivuduare le barre di combustibile sono stati danneggiati dagli alti livelli delle radiazioni.

“Potrebbe essere stato causato da combustibile nucleare fuso che ha fatto un buco, ma è solo una ipotesi in questa fase,” ha detto il portavoce di Tepco Tatsuhiro Yamagishi. “Crediamo che le immagini registrate offriranno informazioni molto utili, ma abbiamo ancora bisogno di indagare dato che è molto difficile conoscere la condizione reale all’interno.”

La presenza di alti e pericolosi livelli di radiazioni complica anche gli sforzi per smantellare in sicurezza l’impianto. Tepco deve ancora identificare la posizione e la condizione di combustibile fuso nei tre reattori danneggiati più gravemente. La rimozione in modo sicuro sarà una sfida senza precedenti nella storia del nucleare.

LEGGI anche: #FUKUSHIMA: 3 ANNI FA IL DISASTRO MA OGGI IL GIAPPONE GUARDA DI NUOVO AL NUCLEARE

E ancora il Giappone non abbandona l’idea di produrre energia attraverso l’atomo.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook