Fukushima: picchi di radioattività oltre i livelli di sicurezza nel punto dove dovrebbero partire le Oimpiadi 2020

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le prossime Olimpiadi del 2020 in Giappone? Probabilmente poco sicure. Stando ad alcuni dati di Greenpeace, sarebbe stato fatto davvero poco dal governo nipponico in fatto di decontaminazione e, anzi, si registrerebbero picchi di radioattività oltre i limiti nell’area del J-Village, il complesso sportivo da cui partirà la staffetta della torcia olimpica.

Il J-Village ospita uno stadio da 5mila posti, 11 campi da calcio, una palestra, una piscina, un hotel e un centro conferenze. Si trova a circa 20 chilometri a sud della centrale nucleare ora disabilitata. Secondo il report dell’associazione ambientalista i livelli di radiazione attorno al campo sarebbero di oltre 1.700 volte superiori rispetto al terribile terremoto e tsunami del 2011 che ha scatenato il disastro nucleare di Fukushima Daiichi.

I livelli di radiazione nel complesso hanno raggiunto i 71 microsievert all’ora nei punti caldi.

Punti con livelli così elevati di radioattività possono essere riscontrati nell’area chiusa intorno a Fukushima, la cosiddetta Area 3, ma non dovrebbero essere presenti in aree aperte al pubblico. E invece sono stati rilevati in un luogo che è stato al centro di un vasto programma di decontaminazione, nonché punto di partenza per la staffetta della torcia olimpica per i Giochi di Tokyo 2020“,ha dichiarato Kazue Suzuki, della campagna Energia di Greenpeace Giappone.

Dati alla mano, a metà novembre Greepeace ha inviato una lettera al ministro dell’Ambiente giapponese Koizumi per chiedere misure immediate di decontaminazione e assicurare la sicurezza nell’area dello stadio di Fukushima.

Di fatto, livelli così elevati di radioattività possono essere riscontrati nell’area chiusa intorno a Fukushima, la cosiddetta Area 3, ma non dovrebbero essere presenti in aree aperte al pubblico.

I lavori di decontaminazione

In risposta al rapporto, il Ministero dell’Ambiente giapponese avrebbe dichiarato di aver condotto ulteriori lavori di decontaminazione e di migliorare il monitoraggio delle radiazioni nella zona del campo.

La radiazione è stata trovata in un angolo di un parcheggio adiacente al J-Villageha detto il vice consigliere del Ministero dell’Ambiente giapponese, Kishiko Yokoyama. La la Tokyo Electric Power Company sta studiando perché l’alto livello di radiazione è stato trovato in quel punto“, aggiungendo che il governo migliorerà il monitoraggio dei livelli di radiazione allo stadio per garantire la sicurezza di atleti e spettatori.

Il Giappone ospiterà le Olimpiadi estive del 2020 a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto del prossimo anno. Speriamo che per allora il rischio sarà stato del tutto eliminato.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook