Fukushima, viaggio nella zona di alienazione 5 anni dopo il disastro nucleare (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cinque anni fa, l’11 marzo del 2011, un terremoto seguito da uno tsunami provocava uno dei disastri nucleari più gravi di sempre, quello della centrale giapponese di Fukushima Dai-ichi. Oggi, gli scatti di un giovane fotografo malese ci mostrano la zona di alienazione, che si estende per un raggio di venti chilometri intorno alla ex centrale, in tutta la sua struggente desolazione.

Keow Wee Loong, un fotografo ventisettenne, ha raccontato sulla sua pagina Facebook di essersi introdotto di recente e in modo del tutto illegale in un’area – quella compresa tra Namie e Okuma – rimasta disabitata sin dai giorni della tragedia di Fukushima a causa dell’altissimo livello di radiazioni.

LEGGI anche: Fukushima: 5 anni fa il disastro nucleare del Giappone, tra radiazioni e tumori

Indossando una maschera antigas, il fotografo ha immortalato ciò che ha visto: una serie di paesi e città fantasma, tra abitazioni e negozi abbandonati, edifici in rovina, strade deserte e parcheggi invasi dalle erbacce

“Il livello di radiazioni è ancora molto elevato nella zona rossa.” – ha scritto Keow Wee Loong – “In città non si sono viste molte persone negli ultimi 5 anni … è come se fosse svanita nel nulla… Nella zona rossa ho trovato cibo, soldi, oro, computer portatili e altri oggetti preziosi… Sono stupito che nessuno abbia saccheggiato queste città.”

LEGGI anche: Fukushima: le toccanti immagini degli abitanti che tornano nella città fantasma (FOTO)

Ed ecco quello che rimane, oggi, di un’area che, fino a pochissimi anni fa, era densamente popolata e in cui il tempo si è praticamente fermato l’11 marzo del 2011.

fukushima 2016 06
fukushima 2016 0
fukushima 2016 02
fukushima 2016 04
fukushima 2016 05
fukushima 2016 09
fukushima 2016 10
fukushima 2016 11
fukushima 2016 13
fukushima 2016 18
fukushima 2016 19
fukushima 2016 21
fukushima 2016 20

Lisa Vagnozzi

Photo credits: Keow Wee Loong

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook