Frane e alluvioni: dal Cnr un nuovo algoritmo per stimare le precipiatazioni e limitare i danni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal Cnr arriva un nuovo algoritmo per stimare il rischio di frane e alluvioni. Si basa sul contenuto d’acqua del suolo, anziché sulle informazioni relative alle nubi, come avviene nei metodi tradizionali. Il nuovo sistema infatti prende in considerazione il quantitativo d’acqua rimasto sui terreni e potrà stimare le precipitazioni.

Lo si può rilevare da satellite e ciò permette di valutare il rischi di inondazioni e frane anche dove non è possibile condurre misurazioni a terra. Il nuovo algoritmo serve soprattutto per misurare le precipitazioni, per quantificarle con precisione a livello del suolo in modo da ridurre il rischio idrogeologico.

Il progetto giunge direttamente dall’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica del Cnr (Irpi-Cnr), che si occupa in particolar modo della valutazione delle piene dei principali fiumi italiani e della prevenzione e previsione di fenomeni franosi a grande rischio. Il nuovo algoritmo si chiama Sm2Rain.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of Geophysical Research e citati nei Research Highlights di Nature. Gli esperti hanno sviluppato una tecnica innovativa per la stima delle precipitazioni a partire dai sensori satellitari. Luca Brocca, ricercatore di Irrpi-Cnr e autore della ricerca ha spiegato che:

”Abbiamo sviluppato una tecnica innovativa per la stima da sensori satellitari delle precipitazioni, che utilizza misure di contenuto d’acqua del suolo anziché, come nelle metodologie tradizionali, informazioni relative alle nubi: un approccio bottom-up e non top-down, in pratica”.

L’esperto ha aggiunto che misurando da satellite e/o in situ le variazioni della quantità di acqua contenuta al suolo e’ possibile stimare le precipitazioni cadute sul suolo stesso, che è considerato come una sorta di pluviometro naturale. I dati su cui si basa l’algoritmo riguardano le quantità d’acqua assorbita dal terreno, la quantità d’acqua evaporata e quella che rimane in superficie.

”In termini tecnici, Sm2Rain fa riferimento all’inversione dell’equazione di bilancio idrologico del suolo calcolando la ripartizione delle precipitazioni in infiltrazione, evapo-traspirazione e deflusso. Assumendo che l’evapo-traspirazione e il deflusso durante un evento di pioggia sono trascurabili, si ottiene una relazione esplicita che fornisce la stima delle precipitazioni in funzione del solo contenuto del suolo” – ha precisato Brocca.

Secondo i ricercatori, il nuovo algoritmo è in grado di offrire risultati più accurati rispetto alle tecniche tradizionali. L’applicazione è avvenuta su scala globale, con riferimento al Mediterraneo, all’Australia, all’India, alla Cina, al Sud Africa e agli Usa. Ad aiutare la stima delle precipitazioni e del rischio di frane e alluvioni sarà anche il nuovo satellite della missione congiunta Nasa-Jaxa Gpm (Global Precipitation Measurement, che è stato lanciato in orbita lo scorso 27 febbraio.

Marta Albè

Leggi anche:

#Dissestoitalia: il documentario multimediale nell’Italia che crolla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook