Le foreste tropicali assorbono più anidride carbonica di quanto si pensasse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le foreste tropicali possono assorbire molta più anidride carbonica di origine antropica rispetto a quanto molti scienziati hanno pensato fino a ora. Assorbono, infatti, 1,4 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, su un assorbimento totale globale di 2,5 miliardi.

Ciò significa che, se lasciati indisturbati, gli alberi tropicali dovrebbe essere in grado di continuare a ridurre il tasso del riscaldamento globale.

Questa è una buona notizia, perché il sequestro di carbonio da parte delle foreste boreali sta già rallentando, mentre le foreste tropicali possono continuare ad assorbire carbonio ancora per molti anni”, sostiene David Schimel, scienziato presso il del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Schimel è autore di un articolo sulla nuova ricerca, pubblicato online in Proceedings of National Academy of Sciences.

La questione di quale tipo di foresta sia in grado di assorbire più carbonio “non è solo una curiosità contabile”, ha detto lo scienziato del NCAR Britton Stephens, un co-autore sulla carta. “Ha grandi implicazioni sulla comprensione di come gli ecosistemi terrestri globali potrebbero continuare a compensare le emissioni di anidride carbonica“.

Le foreste e il resto della vegetazione terrestre attualmente assorbono fino al 30 per cento delle emissioni di anidride carbonica causate dalle attività umane grazie alla fotosintesi. Se il tasso di assorbimento dovesse rallentare, il tasso di riscaldamento globale potrebbe accelerare rapidamente.

Ma l’aumento delle emissioni causate dall’uomo fa crescere le foreste di tutto il mondo più velocemente, riducendo la quantità di CO2 che rimane nell’aria: è l’effetto noto come la fecondazione carbonio. La ricerca ha scoperto che l’effetto è più forte a temperature più elevate e quindi la fecondazione è superiore ai tropici e nelle foreste boreali.

Roberta Ragni

Photo Credit

Leggi anche:

Foreste: una risorsa preziosa contro la fame e la poverta’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook