Foreste da macello: così la carne sta distruggendo la più grande foresta tropicale secca del Sud America

deforestazione chaco

Non solo Amazzonia, ma anche il Gran Chaco, la più grande foresta tropicale secca dell’America meridionale e la seconda più grande foresta tropicale dell’America Latina dopo quella amazzonica. Anche qui la deforestazione ha raggiunto tassi spaventosi, soprattutto a causa degli allevamenti e dell’espansione delle piantagioni di soia geneticamente modificata.

Tanto per cambiare, infatti, sono alcune grandi aziende argentine dedite alla produzione e alla lavorazione di carne (che esportano in Europa e Israele) le principali responsabili della scomparsa delle foreste. A denunciarlo  è Greenpeace, che ha appena pubblicato il rapportoForeste al macello”, frutto di un’indagine durata più di un anno.

Il Gran Chaco copre un’area di oltre 1,1 milioni di chilometri quadrati su tre nazioni: Argentina, Paraguay e Bolivia. È la casa di 4 milioni di persone, circa l’8% sono appartenenti a Popoli Indigeni. Inutile dire che il loro sostentamento, la cultura e le tradizioni dipendono dalla foresta.

mappa chaco

Qui, ora, si registra uno dei più alti tassi di deforestazione nel mondo e, come dichiara Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia, si tratta di un “problema è particolarmente evidente in Argentina, un Paese che si è affermato come importante produttore, consumatore ed esportatore di carne bovina e che attualmente è il sesto Paese al mondo sia per numero di capi di bestiame che per produzione ed esportazione di carne”.

deforestazione chaco

Secondo i dati del Ministero dell’ambiente argentino, nel Paese, tra il 1990 e il 2014, sono stati distrutti 7.226.000 ettari di foreste, una superficie pari a Olanda e Belgio messi insieme. L’80% di questa deforestazione si concentra in quattro province del nord del Paese: Santiago del Estero, Salta, Chaco e Formosa.

Il giaguaro, un animale emblematico che un tempo popolava vaste aree del Centro e del Sud America, rischia di scomparire. Si stima che nella regione argentina del Gran Chaco ne rimangano meno di venti – afferma Borghi.  Per salvarli, Greenpeace Argentina, rappresentata da un gruppo di avvocati, sta chiedendo alla Corte Suprema del Paese di riconoscere i diritti legali del giaguaro. Se entità inanimate come aziende e società possono vedere riconosciuti i propri diritti, anche le specie viventi presenti in natura dovrebbero avere questa possibilità”.

deforestazione

Nel 2018 l’Argentina è stata il secondo esportatore di carne in Europa, dopo il Brasile. Negli anni le esportazioni hanno avuto un trend gradualmente crescente. Secondo l’Eu Meat Market Observatory della Commissione dell’Unione Europea, nei primi due mesi del 2019 l’Argentina è stata il principale fornitore in Europa di carne bovina fresca e macinataLo scorso anno l’Italia ha importato dall’Argentina 5.800 tonnellate di carne fresca, diretta principalmente in Emilia-Romagna, che ospita gran parte delle aziende di trasformazione e distribuzione di carne” dichiara Borghi.

La situazione è però destinata a diventare ancor più allarmante. Recentemente, l’Unione europea e il Mercosur – il gruppo composto da Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay, riuniti nel mercato comune dell’America meridionale – hanno concluso un accordo di libero scambio con cui i due blocchi sono determinati, tra le altre cose, a incrementare gli scambi aumentando l’importazione in Europa di materie prime agricole dal Sud America, con notevoli rischi per l’ambiente e i diritti umani. Tra i prodotti in questione ci sono infatti carne bovina, pollame e soia OGM (destinata alla mangimistica), prodotti che si collocano al primo posto fra le cause della distruzione delle foreste sudamericane.

Alle aziende che esportano e importano carne dall’Argentina si deve chiedere allora di rendere la propria filiera trasparente e libera dalla deforestazione e dalla violazione dei diritti umani. Ma “anche l’Unione europea dovrà fare la sua parte, con una normativa in grado di garantire che i prodotti che acquistiamo in Europa non abbiamo avuto gravi impatti su ambiente e diritti umani in altre parti del Pianeta”, conclude la Borghi.

E noi nel nostro piccolo? Esigiamo, come consumatori e come cittadini di questa Terra, che ciò che resta delle foreste rimanga un patrimonio da proteggere.

Leggi anche:

Germana Carillo

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

tuvali
seguici su Facebook