La foresta Amazzonica sta bruciando a ritmi vertiginosi e il fumo è visibile dallo spazio

Incendi Amazzonia

L’agenzia di ricerca spaziale brasiliana ha registrato quest’anno un numero record di incendi nella foresta amazzonica.

Secondo i dati diffusi dal National Institute for Space Research (Inpe) brasiliano, infatti, quest’anno gli incendi che hanno interessato la foresta pluviale sono stati più di 74mila, l’83% in più rispetto a quelli registrati nel 2018.

Solo dallo scorso giovedì l’Inpe ha osservato più di 9500 incendi boschivi, il cui fumo è ben visibile dai satelliti della NASA.
Le fiamme stanno interessando soprattutto le aree boschive in Rondonia, Bolivia e Brasile: il fumo nero e denso trasportato dai venti ha raggiunto anche le città e oscurato completamente San Paolo per circa un’ora lo scorso lunedì.

Gli incendi si verificano spesso nella stagione secca in Brasile, ma secondo l’Inpe un numero così elevato di roghi non è il linea con le medie normalmente registrate e l’aumento degli incendi non dipende dal clima. Il caldo e la siccità favoriscono la diffusione degli incendi ma i fuochi sono appiccati dall’uomo, deliberatamente o per caso.

Incendi foresta amazzonica 2019Incendi Amazzonia 2019

L’elevato numero di roghi registrato quest’anno sarebbe da attribuire all’uomo, per liberare la terra dagli alberi che impediscono l’allevamento di bestiame, l’agricoltura e altre attività produttive.
Il governo brasiliano guidato dal presidente Bolsonaro anziché intervenire a protezione della foresta incoraggia taglialegna, agricoltori, allevatori e minatori ad abbattere gli alberi, così da poter utilizzare la terra per le proprie attività.

La politica di Bolsonaro sta lavorando per favorire lo sviluppo economico del paese a scapito della conservazione della foresta pluviale e questo provoca perdite di alberi a un ritmo accelerato, annullando gli sforzi dei governi precedenti, che negli ultimi dieci anni erano riusciti a ridurre la deforestazione grazie a controlli mirati e sanzioni.

La foresta amazzonica è la più grande foresta pluviale del mondo e oltre ad ospitare circa tre milioni di specie animali e vegetali e un milione di indigeni, rappresenta un deposito di carbonio indispensabile per rallentare il riscaldamento globale.

La perdita di un polmone verde come l’Amazzonia non potrà che peggiorare gli effetti del riscaldamento globale e questo avrà ripercussioni su tutti noi, ma come spesso accade la salute della Terra e dei suoi abitanti sembra contare meno degli interessi economici.

Da quando Bolsonaro è in carica la deforestazione in Brasile è cresciuta dell’88% e gli incendi sono aumentati in modo vertiginoso. Il presidente Bolsonaro ha accusato l’Inpe di divulgare informazioni false in merito alla portata della deforestazione, con lo scopo di minare la credibilità del governo e la reputazione del paese all’estero.

Il lavoro dell’agenzia spaziale è stato difeso dai principali istituti scientifici e dall’ex direttore dell’Inpe, Ricardo Galvao, licenziato dopo aver assicurato che dati diffusi dall’agenzia sono precisi e accurati.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo Credit: NASA

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

tuvali
seguici su Facebook