Fish Dependence Day: abbiamo già finito tutte le scorte di pesce di quest’anno…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 9 luglio è la data scelta dal WWF per identificare, in via simbolica, l’esaurimento delle scorte di pesce, molluschi e crostacei in Europa, che prende il nome di “Fish Dependence Day“.

E se per l’Europa la notizia non è certamente buona, per l’Italia va ancora peggio, come riporta il WWF:

“L’Italia ha esaurito l’equivalente della propria produzione annua il 6 aprile di quest’anno. In poco più di tre mesi abbiamo consumato l’equivalente dell’intera produzione ittica annuale interna: la nostra domanda di consumo è talmente alta da eccedere di circa 3 volte il supporto alimentare che pesca e acquacoltura nel Mediterraneo possono sostenere. Non a caso gli italiani sono tra i maggiori consumatori in Europa con in media circa 29 kg di pesce a persona all’anno (la media pro capite europea è di 22,7 kg/anno).”

Ma di fatto cosa comporta tutto questo? L’obbligo ad acquistare pesce, crostacei e molluschi di importazione fino al prossimo anno perché nei nostri mari è esaurito.

Un campanello d’allarme importante, che dovrebbe incentivare i consumatori a fare scelte sostenibili, anche nei semplici acquisti di ogni giorno. Perché sono i piccoli gesti responsabili a fare, tra le altre cose, la differenza.

Motivo per cui il WWF ha creato online il banco del pesce interattivo, uno strumento che permette di verificare quanto sono sostenibili i propri acquisti. E ha fornito alcuni suggerimenti per i consumatori responsabili: per esempio leggere sempre bene le etichette per comprare pesce sostenibile, prestare attenzione alle taglie minime di pesce, approfondire il discorso certificazioni, acquistare specie locali evitando sprechi.

Purtroppo la situazione a livello mondiale non è per niente positiva, come ha confermato Eva Alessi, responsabile del progetto Fish Forward:

“Mai come oggi è stato di così vitale importanza mettere in atto comportamenti sostenibili per la salvaguardia degli ecosistemi marini. Il WWF è impegnato a favore di una pesca sostenibile a 360 gradi con il coinvolgimento attivo delle aziende del settore perché si impegnino nella trasformazione delle proprie attività di approvvigionamento, e con i consumatori perché sia in grado di adottare comportamenti responsabili.”

Uno dei motivi per cui i consumatori non sembrano particolarmente sensibili al tema del sovrasfruttamento ittico è probabilmente il fatto che non è abbastanza conosciuto come problema.

E anche per questo sensibilizzare le persone è fondamentale, obiettivo che si propone WWF attraverso l’istituzione di una giornata come il Fish Dependence Day, che mette in luce la drammatica situazione.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte: WWF 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook