Famiglia indigena incontattata trucidata nell’Amazzonia peruviana, difendeva le terre ancestrali e gli alberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Shuri era il suo nome Mastanahua, ma era anche chiamato Epa. Delle sue mogli si sa che una è stata uccisa, dell’altra non si hanno notizie. I loro corpi sono stati trovati lì, trivellati dalle frecce. Siamo nell’Amazzonia peruviana e qui le uccisioni di membri di tribù un tempo “incontattate” rimangono tragiche e irrisolte e mostrano quanto su questa uccisione cala nuovamente l’ombra delle popolazioni esterne che hanno un unico obiettivo: distruggere le loro terre.

L’11 novembre scorso, i corpi di Shuri, di una delle sue mogli, Elena, e di sua suocera, Maria, sono stati trovati senza vita, insieme ai loro cani da compagnia. Janet, un’altra moglie, non è stata trovata ma si presume sia morta.

La famiglia di Shuri viveva vicino al confine della Riserva indigena del Mashco Piro. La riserva si sovrappone al Parco Nazionale dell’Alto Purús, il più grande parco del Perù, e protegge alcuni degli ecosistemi più remoti e intatti dell’intero bacino amazzonico.

La regione ospita una delle più alte concentrazioni di popolazioni isolate della Terra: i Mashco Piro, la più grande tribù isolata del Perù, stimata in circa 700, costituiscono la grande maggioranza.

Oltre a loro, nell’Amazzonia peruviana vivono altre 14 tribù di Indiani isolati: i Cacataibo, gli Isconahua, i Matsigenka, i Mastanahua (che è la tribù di Shuri), i Murunahua (o Chitonahua), i Nanti e gli Yora.

Chi ha ucciso Shuri e la sua famiglia?

Una squadra investigativa costituita da alcuni funzionari del Ministero della Cultura del Perù, la polizia, i leader indigeni e altre autorità si trova ora sul fiume Curanja per indagare sulle uccisioni. Gli investigatori non hanno ancora rilasciato alcuna informazione, ma ci sono testimonianze non ufficiali degli abitanti del villaggio di Huni Kuin che vivono a valle, mentre sui corpi sono state scoperte le impronte di una cinquantina di aggressori e il taglio di alcune frecce usate dal Mashco Piro.

Sono stati allora alcuni esponenti dei Mashco Piro ad uccidere Shuri? Come spiega bene il National Geographic, i Mastanahua e i Mashco Piro sono in conflitto probabilmente già da molte generazioni. Lo stesso Shuri era sopravvissuto a un precedente attacco con la freccia del Mashco Piro e aveva una grande cicatrice sulle costole a dimostrarlo.

Se gli assassini fossero stati Mashco Piro, questo potrebbe essere stati un ultimo tentativo di difendere ciò che resta del loro territorio e delle fonti di cibo della foresta. Ma gli esperti sostengono che queste non sono le uniche spiegazioni possibili: forse Shuri e la sua famiglia sono stati attaccati da trafficanti di narco o da una tribù isolata con cui erano addirittura imparentati. Forse sono stati presi di mira perché Shuri non era più in grado di fornire machete o altri manufatti.

Quel che rimane certo è che quello delle uccisioni dei membri delle tribù incontattate è un tema che lascia ancora senza spiegazioni certe. L’unica colpa di questi popoli isolati è quella di voler difendere le terre ancestrali e di combattere contro il disboscamento dell’Amazzonia e il depauperamento delle risorse. Trovare i colpevoli però è quasi sempre impossibile.

Fonte: National Geographic

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook