L’ex Ilva è la prima fonte di CO2 in Italia. Il dossier di Peacelink e la lettera a Conte per fermare questo “climate monster”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo il dossier di Peacelink, l’Ex Ilva è la principale responsabile delle emissioni di CO2 in Italia, un vero e proprio “climate monster“. La situazione è da prendere seriamente in considerazione e i dati relativi all’inquinamento provocato ogni anno dallo stabilimento sono stati inviati al premier Conte invitandolo ad agire.

In un post su Facebook, Peacelink lancia “una bomba” e spiega come l’Ex Ilva, conteggiando anche le due centrali termoelettriche CET2 e CET3, sia la prima fonte di CO2 nel nostro paese.


Secondo i dati della Commissione Europea sui principali responsabili delle emissioni di CO2, ottenuti sulla base dei dati forniti dagli stati membri, nel nostro paese la graduatoria delle centrali “più nere” è la seguente:

1. Centrale termoelettrica a carbone di Civitavecchia: 8.100.000 tonn/anno
2. Raffineria (nome e località non specificati): 6.300.000 tonn/anno
3. Centrale termoelettrica a carbone di Brindisi/Cerano: 5.400.000 tonn/anno
4. Stabilimento siderurgico ArcelorMittal Taranto: 4.700.000 tonn/anno

L’Ex Ilva è in realtà da sola al quarto posto (42° in Europa) ma svetta al primo se si aggiungono al noto stabilimento di Taranto anche le due centrali termoelettriche ad esso connesse. Nel complesso si parla di emissioni di CO2 che superano i 10 milioni di tonnellate annue!

Ed effettivamente è giusto mettere nel conteggio anche le centrali termoelettriche CET2 e CET3 dato che, come specifica Peacelink:

“Da un punto di vista tecnico le centrali termoelettriche CET2 e CET3 forniscono energia allo stabilimento siderurgico di Taranto ricevendola a loro volta dal ciclo siderurgico in forma di gas e bruciandola. In tal modo viene emessa un’enorme quantità di CO2 che non figura nell’elenco sopra riportato. Le centrali termoelettriche dello stabilimento siderurgico soddisfano a costo zero il fabbisogno energetico dello stabilimento siderurgico bruciando i gas di scarico degli altoforni e delle cokerie, in cui un ruolo molto importante gioca il carbone”.

Considerando tutto questo, l’associazione ambientalista ha deciso di scrivere al premier Giuseppe Conte, riportando tutti i dati relativi alle emissioni di quello che è stato definito un “mostro climatico”.

La lettera, firmata dal presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, mette nero su bianco tutti i dettagli relativi alle emissioni dell’Ex Ilva (che poco si conoscono in quanto scomoda verità) e conclude chiedendo al Presidente del Consiglio di agire prontamente.

“Lei ha detto all’ONU che l’Italia è in prima linea per l’ambiente. Ce lo dimostri spiegando come intende contrastare la minaccia climatica delle emissioni siderurgiche a Taranto. E agendo di conseguenza”.

Nel frattempo Conte, che si trovava a New York per il Summit sul Clima, ha fatto uno “scivolone” pubblicando una foto che lo ritraeva intento a mangiare un hamburger in pieno stile americano. Niente di strano, se non fosse che poco prima si era speso a favore dell’ambiente dichiarando l’intenzione di tassare il junk food. Peccato che quello che ha in mano sia proprio uno dei simboli per eccellenza del cibo spazzatura e che la carne proveniente dagli allevamenti intensivi, come è ormai noto, è responsabile di un’enorme quantità di emissioni di CO2 nel pianeta.

Insomma, se la coerenza è questa… la speranza che si faccia qualcosa di concreto per fermare le emissioni di CO2 nel nostro paese non è proprio altissima!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook