@Muhammet Tokat/Twitter

Prosegue l’apocalisse di fuoco in Turchia. Evacuata la centrale termoelettrica di Milas, minacciata dai violenti incendi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono giorni drammatici quelli che sta vivendo la Turchia dalla fine di luglio. Da oltre una settimana il Paese è alle prese con decine di devastanti incendi, che hanno già provocato 8 vittime e migliaia di sfollati. E ieri la situazione è precipitata quando il fuoco ha raggiunto anche la centrale termoelettrica di Milas, nella provincia di Muğla. In un primo momento i vigili del fuoco e due Canadair erano riusciti a domare i roghi, ma in serata i forti venti hanno alimentato le fiamme, diventate spaventosamente alte. Così è scattata l’evacuazione dell’impianto, alimentato a carbone e olio combustibile. 

Tutto il personale della centrale è stato allontanato dall’edificio e tutti i materiali infiammabili ed esplosivi sono stati rimossi per evitare la catastrofe. In pochi minuti nello stabilimento sono sono state posizionate diverse cisterne d’acqua e sono giunti altri pompieri. 

Le immagini provenienti dalla centrale termoelettrica, pubblicate su Twitter dal sindaco di Milas Muhammet Tokat, sono terrificanti. 

Quando è iniziata l’evacuazione dell’impianto il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan stava rilasciando un’intervista televisiva.

La centrale termica sta affrontando la minaccia di un incendio – ha comunicato al pubblico – C’è stato un vento tremendo. Altrimenti sarebbe stato più facile contenerlo.

Fortunatamente i vigili del fuoco sono riusciti a tenere sotto controllo le fiamme e, come annunciato dal direttore delle comunicazioni presidenziali Fahrettin Altun, le unità principali della centrale non hanno subito grossi danni in base a quanto emerso da un primo sopralluogo. 

Ma in tante altre aree della Turchia (così come in altri Paesi del Mediterraneo, tra cui l‘Italia e la Grecia) l’emergenza incendi è ancora in corso. A causa delle violenti fiamme sono già morte otto persone, tra cui due pompieri e si registrano centinaia di feriti.

Negli ultimi giorni migliaia, tra residenti e turisti, sono stati evacuati da case, resort e altre strutture e sono già andati in fumo oltre 120mila ettari di boschi. Un vero e proprio inferno, dietro cui sembra esserci (ancora una volta!) la mano dell’uomo.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonti: Al Jazeera/Fahrettin Altun(Twitter)/Muhammet Tokat(Twitter)

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook