Esonda il lago di Como: fango per le strade, persone evacuate e tanta paura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Lago di Como esonda a causa delle violenti piogge che negli ultimi giorni si sono abbattutte nel Nord Italia. Complice anche lo scioglimenti delle nevi, il bacino si è riempito al punto da fuoriuscire dagli argini, allagando anche due corsie del lungolago.

Diverse abitazioni in provincia di Sondrio, Como e Lecco sono state evacuate per paura di allagamenti, soprattutto a Premana, Primaluna e Dervio. Sono esondati in vari punti i torrenti Varrone e Pioverna mentre a Dervio è stato evacuato un campeggio.

Per fortuna non ci sono feriti e dispersi. Al lavoro da ore sia diverse squadre dei Vigili del Fuoco che i volontari della Protezione civile e i carabinieri.

A Como in particolare gli abitanti hanno vissuto ore di paura. Le violenti piogge che hanno colpito la zona e lo scioglimento della neve in Valtellina hanno fatto salire pericolosamente il livello del lago fino a questa mattina quando l’acqua ha invaso la prima corsia del Lungolario, ossia il lungolago.

“Dalle 6.30 di mercoledì 12 giugno i volontari della Protezione civile di Como in sinergia con la Polizia locale e il settore Reti hanno montato le passerelle pedonali in Piazza Cavour e poco dopo le 10 la diga foranea è stata chiusa. Al momento il traffico risulta scorrere regolarmente sulla corsia del Lungolario rimasta aperta e gli autobus continuano a transitare sulla corsia riservata. Considerando l’afflusso a lago è possibile che nelle prossime ore sia necessario chiudere anche la seconda corsia” aveva fatto sapere il Comune in un primo momento.

Tuttavia, nell’ultimo aggiornamento delle 13.30 è stato reso noto che il lungolago è stato chiuso completamente.

Danni ingenti in tutta la Lombardia

I danni sembrano ingenti. In provincia di Sondrio è stata chiusa la statale 36 all’altezza di Samolaco per l’esondazione di due torrenti. Un’altra frana si è abbattuta sulla stessa statale all’altezza di Isola, fra fra Campodolcino e Madesimo, al momento di difficile accesso dalla Lombardia.

In Valtellina,  il torrente Lesina rischia di esondare ed è monitorato da Vigili del fuoco e personale Anas per valutare l’eventuale chiusura delle strade.

Nel bresciano ieri i vigili del fuoco a Mazzunno hanno effettuato oltre 60 interventi per alberi caduti, allagamenti e strutture divelte. A causa di una frana sono state evacuate anche 26 famiglie.

La situazione è critica anche in Valle Spluga dove il by-pass di Gallivaggio, in provincia di Sondrio è stato sommerso da fango e detriti del torrente Liro.

 

In tilt anche la circolazione ferroviaria, sospesa sulla tratta Lecco-Tirano/Chiavenna, fra le stazioni di Colico (Lecco) e Delebio (Sondrio) e Dervio e Bellano. Per tutta la giornata di oggi la Protezione civile ha diramato l’allerta gialla sia in Lombardia che in Valle d’Aosta e Veneto.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook