La magia della musica di Einaudi trai i ghiacci per salvare l’Artico (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che spettacolo il Polo Nord! E che spettacolo un musicista che suona il suo piano tra i ghiacciai dell’Artico! Lui è Ludovico Einaudi e quelle sono le note dell’inedito “Elegy for the Arctic” (video sotto).

Ma cosa è accaduto? È accaduto che due settimane fa, la nave di Greenpeace Arctic Sunrise è partita dai Paesi Bassi con un carico molto speciale: le voci di otto milioni di persone. Un appello firmato in cui si chiede ai governi di salvare l’Artico da minacce come le trivellazioni petrolifere e la pesca distruttiva.

E i motivi, ormai, li conosciamo tutti: per la sua fauna unica, tra cui orsi polari, narvali e volpi artiche; per le generazioni future; perché l’Artico regola il clima.

LEGGI anche: ALLARME GROENLANDIA: I GHIACCI DELL’ARTICO SI STANNO SCIOGLIENDO TROPPO IN FRETTA

E alle Svalbard, in Norvegia, porta dell’Europa verso l’Artico, l’Artic Sunrise ha accolto a bordo un ospite eccellente, il celebre pianista e compositore Ludovico Einaudi e, con lui, un meraviglioso pianoforte a coda.

artico einaudi 3

Ed è stato così che Einaudi ha dato vita a una performance unica al largo del ghiacciaio Wahlenbergbreen, proprio sulle Isole Svalbard, unendosi a quell’appello per la difesa dell’Artico.

L’Artico non è un deserto ma un luogo pieno di vitaha dichiarato Ludovico Einaudi – Ho potuto vedere con i miei occhi la purezza e la fragilità di quest’area meravigliosa. E interpretare una mia composizione ispirata alla bellezza dell’Artico e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l’importanza dell’Artico per proteggerlo prima che sia troppo tardi”.

artico einaudi 1

L’inusuale “concerto” si è tenuto alla vigilia di un’importante riunione dell’OSPAR, la commissione internazionale che vigila sulla conservazione dell’Atlantico nordorientale, che proprio in questi giorni potrebbe decidere di istituire un’area protetta di più di 226 mila chilometri quadrati nelle acque internazionali del Mar Glaciale Artico per un’area grande quanto la Gran Bretagna.

LEGGI anche: SCIOGLIMENTO DEL GHIACCIO SEMPRE PIÙ GRAVE: NUOVO RECORD NEGATIVO NELL’ARTICO

Processo approvazione che, tra l’altro, i governi di Norvegia, Danimarca e Islanda stanno cercando di ostacolare. Eppure, non ci vuole molto a capire che il surriscaldamento di un ecosistema unico come l’Artico si ripercuote per forza sull’intero clima terrestre. Perché giocare coi nostri destini?

Firmate allora anche voi la petizione per salvare l’Artico!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook