Ecoreati, dopo il sì della Camera atteso oggi anche il parere del Senato. Firma la PETIZIONE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Penalizzazione dei delitti ambientali. Perché gli ecocriminali non possono passarla liscia. Il disegno di legge sugli ecoreatidi recente ha ricevuto il via libera delle commissioni Ambiente e Giustizia del Senato. Atteso da tempo, l’ok è arrivato il 28 gennaio scorso. E proprio in questo momento, il Senato sta esaminando i nuovi provvedimenti in materia di reati ambientali.

Il testo del nuovo provvedimento sembra addirittura migliorato rispetto alla versione approvata dalla Camera il 26 febbraio 2014. Lo scorso anno, la Camera aveva dato il via libera per inserire quattro reati nel Codice penale: inquinamento e disastro ambientale, trasporto e abbandono di materiale radioattivo e impedimento. Ma da allora il testo si è arenato al Senato, nonostante i continui richiami delle associazioni ambientaliste, con Legambiente in testa.

Ora il momento tanto atteso sembra essere arrivato. Un provvedimento davvero molto importante anche alla luce dei numerosi reati rimasti impuniti, dalla Terra dei fuochi a Taranto, dalla discarica di Bussi al caso Eternit, a Casale Monferrato. Tutti accomunati dalla stessa sorte: la prescrizione e l’assoluzione.

Dopo un anno di attesa finalmente è arrivato il via libera delle commissioni Ambiente e Giustizia del Senato sul disegno di legge sui reati ambientali” è stato il commento di Legambiente dopo il recente ok della Camera. “Siamo consapevoli che già con questa formulazione avremmo finalmente nel nostro ordinamento quattro nuovi delitti ambientali nel codice penale in grado di scongiurare i casi di impunità che hanno purtroppo funestato la cronaca giudiziaria degli ultimi decenniha detto Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente.

LEGGI anche: Chiediamo l’inserimento dei reati ambientali nel Codice Penale (PETIZIONE)

LA PETIZIONE – Anche noi, nel nostro piccolo, possiamo far sentire la nostra voce firmando la petizione che Legambiente, insieme a Libera e alle altre 23 associazioni hanno sottoscritto inviando l’appello “In nome del popolo inquinato” al Presidente del Senato Grasso, al Presidente della Commissione Ambiente Marinello e al Presidente della Commissione Giustizia Nitto Palma.

Il testo è inspiegabilmente fermo da mesi al Senato, per alcuni limiti tecnici che sarebbero facilmente superabili con poche modifiche. Approvarlo prima possibile rappresenterebbe, invece, una pietra miliare nella lotta alla criminalità ambientale, garantendo una tutela penale dell’ambiente degna di questo nome e, soprattutto, assicurando strumenti investigativi fondamentali per le forze dell’ordine e la magistratura. Serve un ultimo sforzo, perché non c’è più tempo da perdere. In nome di quel popolo inquinato che attende da troppo tempo giustizia, è giunto il momento che ciascuno si assuma le proprie responsabilità davanti al Paese” si legge nell’appello.

Per firmare la petizione, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Discarica di Bussi: tutti assolti. Un’altra vergogna italiana dopo il caso Eternit

Ecomafie 2014: più di 80 reati al giorno contro l’ambiente. Boom nell’agroalimentare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook