Ecomafia 2009: torna l’abusivismo edilizio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I numeri di Legambiente sui reati di ecomafia sono inquietanti sotto qualsiasi punto di vista li si voglia guardare, ma un reato torna prepotentemente alla ribalta ed è il “cemento selvaggio“.

In questo fenomeno di ritorno, in cui le mafie sono molto attive per la rapidità del riciclo del denaro sporco, la Campania, o meglio la camorra, è stabile al primo posto rispetto al 2008. I numeri connessi al cemento campano sono: 1.267 infrazioni accertate, 1.685 denunce e 625 sequestri.

L’abusivismo edilizio si esplicita in interi quartieri, paesi, comuni, e tra questi anche località di pregio, come Ischia, la costiera amalfitana e cilentana, Paestum. E dove trova un insperato alleato nel vescovo che ha lanciato un appello alla procura perché si eviti “il legalismo esasperato”, sospendendo gli abbattimenti “in attesa del Piano Casa del governo”. Ingenuo, per qualcuno anche razionale, ma ciò giustifica l’illegalità e la criminalità, in attesa del solito condono.

Al secondo posto troviamo la Calabria, con 900 infrazioni, 923 persone denunciate e 319 sequestri. Non è solo l’abusivismo a preoccupare, fenomeno comunque in crescita in tutta Italia, ma anche quello degli appalti di opere pubbliche; nel caso della Calabria possiamo citare la travagliata autostrada Salerno-Reggio, la statale jonica e a venire il ponte sullo Stretto.

Terza, e un po’ a sorpresa, il Lazio, che supera la Sicilia, dove sono quasi raddoppiati sequestri e denunce. Nel Lazio è altrettanto preoccupante la gestione del ciclo dei rifiuti, e per questo motivo sono diverse gli allarmi provenienti dal mondo ambientalistico, giudiziario e politico.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e Commercio, dal 1998 al servizio dell'Informazione su Internet.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook