Due petroliere a fuoco nel Golfo dell’Oman. Una probabilmente colpita da siluro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due petroliere sono andate a fuoco nel Golfo dell’Oman, probabilmente a causa di un attacco. Una delle due sarebbe stata infatti colpita da un siluro.

Non si arresta la tensione nel Golfo dell’Oman dove, ad un mese esatto da un precedente incendio, altre due petroliere sono andate a fuoco in quello che sempre più, stando a quanto riportato dai media locali e dalle dichiarazioni e dai sospetti dei governi di tutto il mondo, appare un attacco.

Il 12 maggio scorso avvenne qualcosa di molto simile nella stessa area. In quella data, infatti, 4 petroliere andarono a fuoco in mare.

Stavolta, ad essere colpite sono state la petroliera norvegese Front Altair, di proprietà della società Frontline, che secondo l’agenzia Irna trasportava un carico di etanolo dal Qatar a Taiwan; e la Kokuka Courageous della società giapponese Kokuka Sangyo, che trasportava metanolo da Singapore all’Arabia Saudita.

I 44 membri degli equipaggio delle due navi, dopo aver lanciato l’allarme, sono stati tutti messi in salvo dalla Marina di Teheran e dalla Quinta flotta della marina militare americana. Secondo le ricostruzioni, una delle due petroliere (la Front Altair) sarebbe stata colpita da un siluro mentre l’altra sarebbe stata danneggiata da un “sospetto attacco” non meglio identificato che avrebbe aperto uno squarcio nello scafo sopra la linea di galleggiamento.

I media locali, in seguito anche a quanto riportato dagli equipaggi, per entrambe le navi hanno parlato di esplosioni e incendi ma, secondo quanto riferisce il Telegraph, al momento non sembra esserci alcuna fuoriuscita di olio o prodotti chimici.

Gli Stati Uniti non hanno accusato ufficialmente l’Iran di quanto accaduto, ma un funzionario della difesa degli Stati Uniti ha dichiarato alla CBS che era “altamente probabile” che, dietro le esplosioni, ci fossero le forze iraniane. Nel caso delle precedenti 4 navi, invece, gli Usa avevano dichiarato pubblicamente che vi era l’Iran dietro l’attacco mentre Teheran aveva negato la responsabilità.

Le esplosioni in mare sono avvenute poche ore prima che Shinzo Abe, il primo ministro giapponese, si incontrasse con l’ayatollah Khamenei, Guida Suprema dell’Iran, in una missione diplomatica intesa a cercare di allentare le tensioni tra Iran e Stati Uniti. Il fatto è rilevante in quanto entrambe le petroliere trasportavano carichi “legati al Giappone”, secondo quanto dichiarato dal governo stesso di questo paese.

Mentre si cerca di capire cosa sia realmente accaduto, è stata indetta urgentemente una riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu. Nel frattempo il prezzo del petrolio è salito del 4% in risposta a quanto accaduto alle due petroliere.

Leggi anche:

 

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook