Esaurite le miniere di diamanti della Namibia: si passerà a saccheggiare i fondali oceanici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fra 15 anni le cave di diamanti della Namibia saranno vuote. Ad annunciarlo è la De Beers, l’azienda minerarie che detiene numerose concessioni in tutta l’Africa australe. E il colosso corre subito ai ripari spostando l’estrazione dalla terra al mare.

L’estrazione dei diamanti in Namibia viene gestita con una joint venture di De Beers con sede in Lussemburgo con il governo namibiano, la Namdeb. Fra qualche anno, i diamanti saranno estratti sotto l’oceano Atlantico e chiaramente i prezzi saranno più elevati.

Già nel luglio 2017 si era parlato dei fondali marini come la nuova frontiera per l’estrazione dei diamanti, soprattutto perché la De Beers aveva battezzato la Sam Nujoma, la più grande nave di esplorazione di gemme al mondo.

Parliamo di oltre centro metri di lunghezza per la nave che pesa 12mila tonnellate ed è stata costruita in Norvegia non senza le polemiche degli ambientalisti preoccupati per il futuro degli abitanti del mare. E come stare tranquilli? La multinazionale che ha dal 1991 è leader nell’estrazione, ha acquistato i diritti di estrazione su più di 3mila miglia quadrate. L’estate scorsa lo stesso amministratore delegato dell’azienda Bruce Cleaver sosteneva di essere molto fiducioso e che la nave permetterà l’estrazione di 1,2 milioni di carati l’anno.

Ovviamente questo cambio di rotta è dovuto al fatto che le risorse terrestri si stanno esaurendo e che nel giro di vent’anni non ci saranno più questo tipo di minerali. I diamanti generano il 20% delle entrate del Paese, ma estraendo sotto il mare i costi saranno maggiori: il prezzo dovrebbe passare da 187 a 528 dollari per carato.

Adesso, dunque, inizia la corsa alle licenze sottomarine, cosa comporterà tutto questo? Intanto le enormi navi creano un impatto che potrebbe spazzare via parte dell’habitat sottomarino, gli animali poi potrebbero essere risucchiati assieme ai diamanti. Insomma potremmo essere di fronte all’ennesima distruzione della biodiversità.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook