Abbiamo spinto il Pianeta al limite: superati 4 dei 9 processi alla base della vita sulla Terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’impatto accelerato delle attività umane degli ultimi 60 anni ha iniziato a destabilizzare l’ambiente in cui viviamo, dando il via a una nuova era geologica, chiamata Antropocene, in cui il sistema economico globale è il driver primario di cambiamento sulla Terra. Di fatto lo sapevamo già, ma ora la conferma arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Anthropocene Review da un team di 18 ricercatori, guidati dal professor Will Steffen dell’Australian National University.

Dei nove processi su scala globale che sono alla base della vita sulla terra, quattro hanno superato le condizioni di sicurezza, con due di essi che stanno influenzando in modo particolarmente significativo, tanto da comportare gravi rischi per il futuro benessere degli uomini.

Le attività umane potrebbero guidare la terra in uno stato molto meno ospitale – in questa ricerca abbiamo più accuratamente valutato il rischio che ciò accada. Stiamo iniziando a destabilizzare il nostro sistema di supporto della vita sul Pianeta. Ci aspettavamo di vedere grandi cambiamenti dal 1750, ma quello che ci ha sorpreso è stata la tempistica; drammatici aumenti si sono verificati a partire dal 1950 “, ha detto il professor Steffen.

Il team ha comparato 12 misure di attività umana (quali la crescita economica, la popolazione, il consumo di energia), con 12 fattori ambientali, quali la biodiversità e i cicli del carbonio e dell’azoto, scoprendo che tutti hanno fatto registrare una crescita senza precedenti nella seconda metà del Ventesimo Secolo. Ad esempio, dal 1950 la popolazione urbana è aumentata di sette volte, il consumo di energia primaria è quintuplicato e l’uso di fertilizzanti è aumentato di otto volte.

fertilizzanti

fertilizzanti2

fertilizzanti3

Fonte

A loro volta, le specie si estinguono oltre 100 volte più velocemente e la quantità di azoto negli oceani è quadruplicata. 4 dei 9 sistemi da cui dipende la vita sulla Terra hanno già varcato i confini planetari in territorio rischioso: il cambiamento climatico causato dalle emissioni di carbonio; la perdita di integrità della biosfera, derivante dagli alti tassi di estinzione di specie; il cambiamento del sistema terra; i cicli biogeochimici alterati – elevati livelli di fosforo e di azoto che scorrono negli oceani per colpa dell’uso eccessivo di fertilizzanti.

terrafinita

Fonte

Cosa possiamo fare? “Dobbiamo essere intelligenti e dobbiamo innovare, possiamo farlo”, conclude l’esperto. La tecnologia può potenzialmente fornire una soluzione a molti dei problemi ambientali che dobbiamo affrontare oggi. Non c’è più tempo da perdere. La Terra è una sola.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Nature: la Terra vicina al collasso

2050: le 3 previsioni catastrofiche di Jane Goodall si stanno gia’ avverando?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook