La deforestazione in Amazzonia ormai è fuori controllo, proprio come il Covid-19

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli invasori della terra “non si mettono in quarantena”: il virus si diffonde tra gli abitanti della foresta, mentre la deforestazione e l’estrazione mineraria si espandono in modo incontrollato

Meno foreste, più disuguaglianza e criminalità e un patrimonio culturale a rischio. Il coronavirus ha rafforzato gli storici nemici della Amazzonia e ha aperto la porta a un futuro sempre più tetro nel polmone verde della Terra e per i suoi abitanti.

I popoli indigeni sono colpiti duramente. Muoiono. E chi sopravvive non ha neanche cibo e acqua. Ma il Covid-19 non è stato in grado di fermare la distruzione di questo paradiso ambientale che si estende per oltre 7,4 milioni di chilometri quadrati, distribuito in gran parte del Brasile, ma anche nelle aree della Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela.

“Gli invasori di terre illegali non si mettono in quarantena”, avverte Efe Nurit Bensusan, coordinatore della biodiversità dell’ONG Instituto Socioambiental (ISA) in un reportage di Agenzia Efe.

Nel mezzo della crisi del coronavirus, la motosega continua ad avanzare e la deforestazione è salita del 64% nel solo aprile 2020, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Le previsioni sono davvero pessimiste.

“In molti casi, l’illegalità in Amazzonia, come l’estrazione illegale o la deforestazione, è una conseguenza della mancanza di opzioni. Le alternative diminuiranno (dopo la pandemia) e molti saranno spinte all’illegalità “, afferma Bensusan.

Per l’ecologa, il presente è già delineato: “catastrofico”. Domani, avverte, potrebbe essere anche peggio.

“Ci sarà uno scenario con meno foreste, più disuguaglianze, più criminalità, più attività illegali e meno opportunità per il “popolo della giungla”, prevede.

In questo senso, il sindaco di Manaus, Arthur Virgilio Neto, aveva già lanciato un SOS per salvare il principale “patrimonio” del Brasile, poiché la deforestazione può essere esacerbata proprio dalla profonda recessione dovuta al coronavirus.

Presto gli abitanti dell’Amazzonia “non avranno altra alternativa” che sfruttare le risorse naturali della foresta. Neanche i guardiani della foresta potranno resistere a queste condizioni.

 

 

“Covid-19 è entrato nelle comunità e nelle terre indigene. Oggi, coloro che muoiono più frequentemente sono proprio quelle popolazioni socialmente vulnerabili che non hanno accesso a un sistema sanitario adeguato”, afferma il professore dell’Università Federale del Pará e il presidente della Società brasiliana di etnobiologia ed etnoecologia, Flavio Bezerra Barros.

Allo stesso modo, si è espresso Sebastiao Salgado, il famoso fotografo brasiliano che ha ritratto i problemi della regione. Salgado ha lanciato un manifesto per chiedere alla comunità internazionale di reagire al rischio di “sterminio” di queste popolazioni a causa della malattia.

Per questo motivo, il coronavirus può anche far perdere un vasto patrimonio culturale. Stanno morendo gli anziani e gli sciamani delle tribù indigene, che da sempre agiscono come guardiani di un’antica cultura tramandata oralmente di generazione in generazione.

Sono il ricordo degli antenati e mantengono con sé le tradizioni, i rituali, le ricette dei rimedi naturali a base di erbe, la lingua e i consigli su come affrontare i pericoli della foresta.

“Se gli anziani muoiono, una parte della saggezza muore con loro”, dice.

Qui di seguito è possibile vedere il reportage che documenta, fotogramma dopo fotogramma, tutto quello che vi abbiamo raccontato in questi ultimi mesi, lanciando un allarme che continua a restare inascoltato.

Siamo davvero pronti a rinunciare a tutto questo?

L’Amazzonia, insieme a tutta la sua ricchezza ambientale e culturale, sta scomparendo sotto i nostri occhi, giorno dopo giorno. E sarà sempre peggio…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook