Deforestazione da record in Amazzonia: il Brasile ha perso 739 kmq solo a Maggio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La deforestazione dell’Amazzonia brasiliana a maggio ha toccato livelli record, raggiungendo il picco massimo da quando è iniziato il controllo. A lanciare l’allarme è l’agenzia di monitoraggio satellitare del governo, secondo cui il mese scorso la foresta pluviale più grande del mondo ha perso 739 km quadrati in 31 giorni, equivalenti a due campi da calcio al minuto.

Effetto Bolsonaro? Forse. Anche se i dati relativi a un solo mese non sono sufficienti a confermare tendenze a lungo termine, possono fornire informazioni sulla situazione attuale, alla vigilia dell’avvio della stagione secca, quando ha luogo il maggior numero di incendi.

Altri potrebbero essere i fattori che hanno contribuito all’aumento della deforestazione. I primi mesi del 2019 sono stati nuvolosi e piovosi e ciò può aver reso più difficile il monitoraggio satellitare. Inoltre, il maltempo potrebbe aver spinto i taglialegna e gli agricoltori a ritardato le potature fino a maggio. Ma tutto questo non basta a giustificare una simile perdita.

“Il governo non può negare questi numeri della propria agenzia. La domanda ora è che cosa farà al riguardo “, ha detto Carlos Souza, del gruppo di monitoraggio indipendente Imazon. “Entro la fine di luglio avremo una chiara idea dell’impatto delle recenti mosse volte a smantellare le politiche ambientali “.

A cosa si riferisce Souza? Da quando l’estrema destra di Bolsonaro è salita al potere a gennaio, è stato indebolito il ministero dell’ambiente, sono state ridotti anche i controlli sullo sfruttamento economico dell’Amazzonia, sono stati favoriti gli interessi minerari e agricoli, è stato dato il via libera a numerosi pesticidi e sono stati limitati i diritti delle popolazioni indigene a favore degli interessi delle multinazionali.

Ma non solo. Il figlio maggiore di Bolsonaro, Flavio, senatore, ha recentemente proposto una riforma del codice forestale che eliminerebbe l’obbligo degli agricoltori dell’Amazzonia di mantenere la copertura forestale pari al 50-80% delle loro proprietà. Questa misura, qualora fosse approvata, regalerebbe alle industrie estrattive un’area più grande dell’Iran.

“Il picco nella deforestazione è deprimente, ma non sorprende: hai un governo in Brasile che sta smantellando quasi tutte le politiche ambientali messe in atto dal 1992”, ha detto Carlos Rittl, segretario esecutivo della ong Climate Observatory. “Tuttavia, dobbiamo aspettare e vedere come si comporterà a giugno.”

Nel frattempo il mondo intero assisterà alla distruzione di uno dei suoi più importanti polmoni verdi.

LEGGI anche:

 

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook