Privatizzazione spiagge: abbassati a 20 gli anni di concessione previsti dal decreto sviluppo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Novant’anni sono troppi. Dopo le polemiche riguardanti il Decreto Sviluppo, soprattutto per le , il Governo ha fatto un passo indietro, portando a 20 il numero di anni concessi.

Ricordiamo, infatti, che il dl, se da una parte lasciava il diritto di passaggio su battigia e scogliere, il terreno o l’immobile su cui esisteva un insediamento turistico non avrebbero goduto più della concessione ma di un vero e proprio “diritto di superficie” pari a 90 anni. Tale situazione avrebbe potuto agevolare un’ulteriore cementificazione delle coste.

Ma fin da subito, il decreto sulla privatizzazione delle spiagge era stato bocciato, e da più fronti. In primo luogo dall’Ue, che lo aveva definito “ non in linea con le regole del Mercato interno, in particolare con la direttiva servizi“, essendo in conflitto secondo la Commissione con la direttiva Bolkestein del 2006 che impone la liberalizzazione dei servizi. Ma a risolvere la controversia è stato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano che con il suo No ha costretto il Governo a riconsiderare il dl sviluppo.

Intanto, alcuni sindaci hanno accolto l’appello lanciato da Legambiente diretto in primo luogo alle località premiate dalla Bandiera Blu 2011, contro la cosiddetta ‘svendita del litorale‘, e sono i primi cittadini di: Capalbio, Maratea, Villasimius, Senigallia, Noto, Otranto, Ostuni, Pollica, Favignana, Isola Capo Rizzuto e Posada.

A tal proposito, Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente ha detto: “Le località costiere che hanno puntato sulla qualità respingono al mittente il decreto del Governo. È la prova che quel provvedimento non fa bene al turismo e uccide il paesaggio. I sindaci che hanno firmato il nostro appello rappresentano, peraltro, alcuni dei comprensori turistici più importanti del Paese, con numeri di arrivi e presenze significativi. È la prova, quindi, che il turismo in Italia non ha bisogno di ulteriore cementificazione e deregulation, quanto piuttosto di qualità e tutela dell’ambiente.

Gli fanno eco il FAI, Fondo Ambiente Italiano, e il WWF Italia che hanno ribadito “come sia un bene che si torni indietro riducendo a 20 anni il diritto di superficie per le concessioni delle spiagge italiane”.

Ma è solo un inizio, perché secondo le associazioni “occorre tornare al ‘diritto di concessione‘ che è ora in vigore. È un inghippo la trasformazione del diritto di concessione in diritto di superficie che mette a rischio cementificazione le spiagge. Si vuole infatti separare la proprietà del terreno da quello che viene edificato e questo significa garantire ai privati la proprietà degli immobili, già realizzati o futuri sul demanio marittimo”.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook