Il Decreto Clima è stato approvato! Confermati incentivi alla mobilità, foreste urbane e green corner

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Decreto Clima riceve finalmente il via libera dal Consiglio dei Ministri e con esso arriveranno a breve, tra le altre misure, il buono mobilità per chi rottama sia le automobili che i motocicli e per chi opta per trasporto pubblico locale o sceglie di andare in bicicletta.

Un primo passo per salvare il futuro dei nostri figli”,scrive Sergio Costa sui social, su un decreto che si è fatto attendere parecchio tra slittamenti e aggiornamenti e che ora è finalmente realtà.

Ora, la nuova norma non prevede più il taglio graduale ai sussidi fossili, né la formulazione “verde” per il Cipe e si elimina  l’articolo recante “Disposizioni volte a velocizzare la pianificazione di emergenza per gli impianti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti“.

Come spiegavamo nel nostro precedente articolo, la principale novità del Decreto Clima è il buono mobilità per le città e le aree sottoposte a infrazione europea per la qualità dell’aria, per il quale vengono stanziati 255 milioni di euro (fino a 1.500 euro per la rottamazione delle auto fino alla classe euro 3 e fino a 500 euro per i motocicli a due tempi).

Nello specifico, le città metropolitane e i centri con più di 100mila abitanti dovranno approvare entro il 31 dicembre 2020 i Piani urbani di mobilità sostenibile per assicurare l’abbattimento dell’inquinamento dell’aria e acustico. Dal 1° gennaio 2021 le risorse statali per la mobilità sostenibile saranno attribuite agli enti territoriali se e solo se abbiano approvato il Piano urbano e si impegnino a finanziare progetti coerenti.

È inoltre previsto un fondo di 40 milioni di euro per i Comuni perché realizzino o migliorino le corsie preferenziali e un fondo di 20 milioni di euro per realizzare o implementare il trasporto scolastico per gli alunni delle scuole elementari e medie con mezzi ibridi, elettrici o non inferiori a euro 6.

Via libera anche a uno stanziamento di 30 milioni di euro per la piantumazione e il reimpianto degli alberi e alla creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane.

Fondi anche per i commercianti fino a 5 mila euro per ciascuno per la realizzazione di “green corner” per la vendita di prodotti sfusi.

Infine, più poteri e più risorse ai commissari che si occupano delle bonifiche delle discariche abusive e della depurazione delle acque e la creazione di un database da parte dell’Ispra per la trasparenza dei dati ambientali (i concessionari di servizi pubblici dovranno rendere disponibili in rete i risultati delle rilevazioni effettuate).

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook