©Foto Ansa

Crisi di Governo: il ministero dell’Ambiente “dimenticato” nelle ipotesi della squadra di Draghi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre Mario Draghi, convocato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha accettato con riserva l’incarico di formare un nuovo governo, resta il rebus della nuova squadra che lo affiancherà.

Come sempre il Ministero dell’Ambiente non è stato neanche nominato, letteralmente ignorato insieme a quello dell’agricoltura, che, ricordiamo, è da ben 22 giorni senza un ministro, dopo le dimissioni dello scorso 13 gennaio della ministra Teresa Bellanova.

Non sappiamo ancora se Costa sarà confermato né chi potrebbe essere il suo sostituto. In piena crisi di governo, l’ambiente sembra tornato il fanalino di coda, quello stesso dicastero sotto l’egida di Costa ha fatto registrare notevoli risultati.  Stanno circolando tante ipotesi sui nuovi ministri ma purtroppo non sappiamo ancora chi guiderà quello dell’Ambiente, perché il dicastero è del tutto “scomparso dai radar”.

Vi spieghiamo cosa ha fatto Costa, e perché ci auguriamo che venga confermato per terminare il suo lavoro:

Grazie Sergio Cosa, il miglior ministro dell’Ambiente che abbia mai avuto

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook