Il coronavirus ha drasticamente ridotto le emissioni inquinanti della Cina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se il coronavirus è nemico dell’uomo, certamente si sta rivelando suo malgrado amico dell’ambiente. Un nuovo studio ha messo in luce che l’epidemia di cui tanto si parla in queste settimana ha ridotto le emissioni inquinanti in Cina, pari al 6% del totale mondiale.

A rivelarlo è stata una ricerca condotta dal Centre for Research on Energy and Clean Air (CREA) in Finlandia, secondo cui le emissioni cinesi di anidride carbonica sono diminuite di almeno 100 milioni di tonnellate nelle ultime due settimane.

Come? Di fatto il coronavirus ha paralizzato l’economia cinese e gli impatti sulla domanda energetica e sulle emissioni del Paese stanno solo iniziando a farsi sentire.

La rapida diffusione del virus – che ha ucciso oltre 2.000 persone e ne ha infettate oltre 74.000 persone in tutto il paese – ha portato a un calo della domanda di carbone e petrolio, con una conseguente riduzione delle emissioni, secondo lo studio pubblicato sul sito Web Carbon Brief con sede in Gran Bretagna disse.

Coronavirus ed emissioni in cifre

La domanda di elettricità e la produzione industriale cinese rimangono di gran lunga al di sotto dei livelli abituali come suggerito da una serie di indicatori, tra cui:

  • Utilizzo di carbone nelle centrali elettriche, al minimo da quattro anni
  • Tassi di funzionamento delle raffinerie di petrolio nella provincia di Shandong al livello più basso dal 2015
  • Produzione di prodotti in acciaio al livello più basso da cinque anni
  • I livelli di inquinamento atmosferico di NO2 sulla Cina sono diminuiti del 36% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
  • I voli nazionali sono scesi fino al 70% rispetto allo scorso mese.

Le misure per contenere il coronavirus hanno portato a riduzioni della produzione dal 15% al 40% nei settori industriali chiave. È probabile che questo abbia spazzato via un quarto o più delle emissioni di CO2 del paese nelle ultime due settimane, il periodo in cui l’attività sarebbe normalmente ripresa dopo le vacanze di Capodanno cinesi.

Nello stesso periodo del 2019, la Cina ha rilasciato circa 400 milioni di tonnellate di CO2 (MtCO2), ciò significa che il virus avrebbe potuto ridurre le emissioni globali di CO2 di 100Mt fino ad oggi. La domanda chiave è se gli impatti saranno compensati o addirittura invertiti dalla risposta del governo alla crisi.

Le prime analisi dell’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) e dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) suggeriscono che le ripercussioni dell’epidemia potrebbero abbattersi sulla domanda mondiale di petrolio tra gennaio e settembre di quest’anno.

Anche le emissioni cinesi di biossido di azoto – un sottoprodotto della combustione di fossili nei veicoli e nelle centrali elettriche – sono diminuite del 36% nella settimana successiva alle vacanze di Capodanno lunare, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

grafico co2 cina

©NASA OMI

Tuttavia, si tratta di una riduzione temporanea e la risposta alla crisi da parte del governo cinese potrebbe invertire la rotta, incrementando la produzione industriale e di conseguenza le emissioni.

Li Shuo, consulente politico di Greenpeace China, ha spiegato infatti  che dopo che il coronavirus si sarà placato, è molto probabile che le fabbriche massimizzeranno la produzione per compensare le perdite durante il periodo di stop.

Fonti di riferimento: Carbon Brief, Science Alert

LEGGI anche:

Il Coronavirus sta mettendo in ombra la peggiore invasione di cavallette del secolo

Coronavirus, 3 casi di contagio in Lombardia: cosa sappiamo finora degli Italiani risultati positivi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook