No, il coronavirus non ha fermato i cambiamenti climatici: le emissioni sono da record e continuano ad aumentare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se pensavamo di aver invertito almeno in parte la spirale negativa che ci sta conducendo verso la catastrofe climatica, ci stavamo sbagliando. A dirlo è il nuovo rapporto dell’Onu, United in Science 2020, secondo cui le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera sono a livelli record e stanno continuando ad aumentare, avvicinanosi ai livelli pre-pandemia.

Come ci si aspettava, il lockdown ha frenato solo momentaneamente le emissioni inquinanti ma rimane il fatto che il mondo è destinato a vivere i 5 anni più caldi mai registrati e non è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi concordati a Parigi per contenere l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 ° C o di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

“Le concentrazioni di gas serra – che sono già ai massimi livelli in 3 milioni di anni – hanno continuato a crescere. Nel frattempo, vaste aree della Siberia hanno visto un’ondata di caldo prolungata e notevole durante la prima metà del 2020, cosa che sarebbe stata molto improbabile senza il cambiamento climatico antropogenico. E ora il 2016-2020 sarà il quinquennio più caldo mai registrato. Questo rapporto mostra che, sebbene molti aspetti della nostra vita siano stati sconvolti nel 2020, il cambiamento climatico è continuato senza sosta”, ha aggiunto il Segretario generale dell’OMM, professor Petteri Taalas.

Secondo lo studio, i cambiamenti climatici avranno impatti crescenti e irreversibili che colpiranno i ghiacciai, gli oceani, la natura, le economie e la stessa vita umana, con l’aumento di siccità o inondazioni.

Il rapporto United in Science 2020 è coordinato dalla World Meteorological Organization (WMO), con il contributo del Global Carbon Project, dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, della Intergovernmental Oceanographic Commission dell’UNESCO, del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e il Met Office del Regno Unito.Esso contiene i dati scientifici e le scoperte più recenti sui cambiamenti climatici.

Ecco in sintesi i risultati dello studio.

Concentrazioni di gas serra nell’atmosfera 

Secondo le stime dell’Organizzazione meteorologica mondiale, le concentrazioni atmosferiche di CO2 hanno continuato ad aumentare fino a nuovi record. Le stazioni di riferimento della rete WMO Global Atmosphere Watch (GAW) hanno riportato concentrazioni di CO2 superiori a 410 parti per milione (ppm) durante la prima metà del 2020, con Mauna Loa (Hawaii) e Cape Grim (Tasmania) a 414,38 ppm e 410,04 ppm, rispettivamente, a luglio 2020, contro le 411,74 ppm e le 407,83 ppm dell’anno precedente.

Quanto si ipotizzava dunque, è stato confermato. Le riduzioni delle emissioni di CO2 nel 2020 avranno solo un lieve impatto sul tasso di aumento delle concentrazioni atmosferiche, che sono il risultato delle emissioni passate e attuali, nonché sulla lunghissima durata della CO2.

United_in_Science

©Onu

Emissioni globali di CO2  fossile 

Secondo il Global Carbon Project, le emissioni di CO2 fossile, prodotta dalla combustione di tali fonti, nel 2020 è diminuita dal 4% al 7% nel 2020 a causa del lockdown ma si tratta di un dato poco rassicurante. Durante il picco del periodo di blocco all’inizio di aprile 2020, le emissioni globali giornaliere di CO2 fossile erano diminuite del 17%, cifra senza precedenti rispetto al 2019.

Anche così, le emissioni erano ancora equivalenti ai livelli del 2006, evidenziando sia la forte crescita negli ultimi 15 anni che la continua dipendenza delle fonti fossili per l’energia. All’inizio di giugno 2020, le emissioni giornaliere globali di CO2 fossile erano per lo più tornate entro il 5%.

Non va meglio sul fronte del metano, con le emissioni globali legate alle attività umane in crescita negli ultimi anni e anche nel 2020.

2016-2020: i 5 anni più caldi della storia

La temperatura media globale per il 2016-2020 dovrebbe essere la più calda mai registrata, circa 1,1 ° C sopra quella del periodo 1850-1900 e 0,24 ° C più calda della temperatura media globale per il 2011- 2015.

Nel quinquennio 2020-2024 , la possibilità che almeno un anno superi 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali è del 24%. È probabile (~ 70% di probabilità) che uno o più mesi durante i prossimi cinque anni saranno almeno 1,5 ° C più caldi rispetto ai livelli preindustriali.

In ogni anno tra il 2016 e il 2020, l’estensione del ghiaccio marino artico è stata inferiore alla media. Il periodo 2016-2019 ha registrato una perdita di massa dei ghiacci maggiore rispetto a tutti gli altri periodi di 5 anni dal 1950. Il tasso di innalzamento medio globale del livello del mare è aumentato tra il 2011-2015 e il 2016-2020.

I principali impatti sono stati causati da eventi meteorologici e climatici estremi, in molti dei quali è stata identificata la  chiara impronta del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Quest’ultimo sta influenzando i sistemi di sostentamento vitale, dalla cima delle montagne alle profondità degli oceani, portando ad un’accelerazione dell’innalzamento del livello del mare, con effetti a cascata per gli ecosistemi e la sicurezza umana.

“Questo è stato un anno senza precedenti per gli uomini e il pianeta. La pandemia COVID-19 ha sconvolto vite in tutto il mondo. Allo stesso tempo, il riscaldamento del nostro pianeta e le perturbazioni climatiche sono continuate a ritmo sostenuto”, ha detto il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. “Mai prima d’ora è stato così chiaro che abbiamo bisogno di transizioni a lungo termine, inclusive e pulite per affrontare la crisi climatica e raggiungere uno sviluppo sostenibile. Dobbiamo trasformare la ripresa dalla pandemia in una reale opportunità per costruire un futuro migliore. Abbiamo bisogno di scienza, solidarietà e soluzioni”.

Fonti di riferimento: Nazioni Unite,

LEGGI anche:

Il coronavirus potrebbe innescare il più grande calo delle emissioni di CO2 dalla seconda guerra mondiale

Alle prese con il coronavirus, nessuno sta dando importanza al clima: in aumento gli attacchi fatali di calore e umidità

“I cambiamenti climatici sono più mortali del coronavirus”, non dimentichiamolo: il monito dell’ONU al mondo

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook