Copenhagen, prostitute in rivolta: “Sesso gratis ai politici”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Copenhagen, l’ennesima manifestazione di protesta. Ma questa volta il clima non c’entra. Ad alzare la voce, questa volta sono state le prostitute della città. A generare il loro disappunto è stato un provvedimento di quache giorno fa del sindaco di Copenhanen, Ritt Bjerregaard, che ha inviato ai 160 alberghi che ospiteranno i politici di tutto il mondo che parteciperanno al vertice sul clima, una cartolina che recitava questo: “Siate ecosostenibili, non cercate sesso a pagamento“.

Niente distrazioni per i grandi della terra, proprio per mantenerli concentrati e vigili in vista delle importandi decisioni che dovranno prendere. Il messaggio del primo cittadino danese è stato perentorio anche nei confronti degli albergatori che si sono visti “suggerire”: “Cari proprietari degli alberghi, vi invitiamo a non fornire contatti o organizzare incontri con le prostitute.

Da qui è nata la protesta delle “lavoratrici” che per non perdere la clientela e al tempo stesso per dare una risposta forte al sindaco Bjerregaard, hanno offerto una prestazione sessuale gratis a chi presenterà la suddetta cartolina. L’iniziativa è partita dal SIO (Sex Workers Interest Group), di cui fanno parte circa 6 mila squillo nella sola città di Copenhagen.

Al sito Spiegel.de, Susanne Moller, una delle “vittime” di questo decreto, ha detto: “Si tratta di pura discriminazione. Ritt Bjerregaard abusa del suo potere di sindaco per impedirci di fare il nostro mestiere, che è perfettamente legale; è ingiusto che i politici abbiano preso il summit sul clima come occasione per fare la guerra alle prostitute. Se è la guerra che vogliono, noi siamo pronte a difenderci“.

Francesca Mancuso

Leggi tutte gli articoli sulla Conferenza di Copenhagen


Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook