Consumatori e ambiente: l’italiano teme l’inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Italiani e inquinamento: quanto e riguardo a cosa siamo preoccupati nel nostro paese? A fornire la risposta è stata un’indagine di Nielsen, resa nota in occasione del Convegno Linkontro, in corso in questi giorni a Santa Margherita di Pula, in provincia di Cagliari.

Lo studio, che ha preso in esame il grado di fiducia dei consumatori tra il 23 marzo e il 12 aprile 2011 in 51 Paesi del mondo tra Europa, America Latina, Medio Oriente, Africa, Nord America, Asia-Pacifico, ha messo in luce i timori degli italiani per il settore ambientale.

Ciò che ci turba, in primo luogo, è l’inquinamento atmosferico: l’86% italiani, rispetto al 78% della media globale, lo temono. Fa paura anche l’inquinamento delle acque (86% contro il 75% della media mondiale) non solo vissuto in ambito nazionale ma anche con uno sguardo al di fuori dei confini, come ha dimostrato l’interesse suscitato per le sorti dei liquidi radioattivi finiti in mare a causa del disastro nucleare del Giappone. Tre le preoccupazioni seguono poi l’uso dei pesticidi (80% rispetto al 70% della media mondiale), il global warming (77% contro il 70%), la mancanza d’acqua (77% contro il 73%). Questo il quadro se si parla di inquinamento in senso stretto.

Altre preoccupazioni attanagliano noi italiani. Una di esse riguarda il modo in cui le aziende si rapportano al problema dell’inquinamento. Il 79% degli intervistati ha espresso la propria mancanza di fiducia verso gli sprechi delle aziende nel packaging dei prodotti, contro il 73% della media globale. Inoltre, per l’88% degli italiani (contro l’83%) è molto o abbastanza importante che le aziende implementino programmi per migliorare l’ambiente. Di conseguenza, accogliamo con favore tutte le iniziative portate avanti dalle aziende che riducono l’impatto ambientale.

In particolare i prodotti in packaging riciclabili (90%, il 3% in più rispetto alla media totale), quelli ad efficienza energetica (85%), i prodotti fabbricati localmente (86% contro il 83%), i prodotti acquistati presso i farmer’s market (84% contro il 83%), i prodotti con poco o senza packaging (79% contro il 69%), i prodotti biologici (63%). Notevole anche l’interesse verso i prodotti non testati sugli animali (58% contro il 40%) e verso quelli del commercio equo e solidale (54% contro il 51%).

Fin qui tutto bene. Amiamo l’ambiente e temiamo le conseguenze dell’inquinamento. Coerenti. Ma quando si tratta di mettere mano al portafoglio, sono dolori. Soltanto il 23% degli italiani infatti è disposto ad spendere di più per acquistare prodotti ecosostenibili. Il 37% acquista prodotti non ecologici o perché più economici o per il rapporto qualità-prezzo, a prescindere dalla compenente “sostenibilità”.

Preoccupati sì, ma mica fessi.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook