Conferenza sul Clima dell’ONU: si rischia il suicidio ambientale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Grandi annunci, promesse e dichiarazioni di intenti. È quanto è emerso dalla Conferenza sul Clima dell’Onu che si sta svolgendo in questi giorni a New York. Apertosi con i buoni propositi del presidente della Cina Hu Jintao, e correlato dall’impegno del presidente americano Barack Obama a ridurre le emissioni di gas inquinanti (solo la Cina e gli Usa ne producono il 40% sul totale mondiale), il vertice si è preannunciato da subito come un momento di difficile dialogo tra le nazioni.

Alla presenza di oltre 90 leader mondiali e di 192 rappresentanti di tutti i paesi membri, si è discusso sul possibile “suicidio ambientale“. «Un nuovo accordo è possibile, ma non sarà facile», ha detto il Presidente degli Stati Uniti che ha aggiunto: «Non siamo venuti qui a celebrare i progressi raggiunti, ma perché ci sono ancora passi da compiere. Non dobbiamo farci illusioni quanto al fatto che la parte più difficile è davanti a noi», riferendosi agli obiettivi da portare avanti in vista del prossimo vertice, a Copenhagen.

A margine degli interventi, ha detto la sua anche il presidente della commissione Ue, Jose Mauel Barroso, che ha dato un severo ultimatum: «Abbiamo 80 giorni di tempo per sfrondare le foresta di parentesi quadre che limitano l’accordo: se non ne usciamo fuori questo rischia di essere il più lungo suicidio globale della storia». Catasfrofismo o pura realtà? A tal proposito invita a riflettere anche la pellicola di prossima uscita che in questi giorni sta facendo discutere l’opinione pubblica, “The Age of Stupid“. Il film, ambientato nel 2055, sembra presagire un futuro disastro ambientale legato all’inquinamento e allo sfruttamento massiccio delle risorse, mostrando Londra invasa dall’acqua, Las Vegas sommersa sotto le dune di sabbia e Sydney a fuoco.

Fonte: canale Youtube dell’ONU

Numerosi gli interventi. Il Premio Nobel Al Gore, che ha preso parte all’incontro, ha apprezzato le dichiarazioni di India, Cina e Giappone sui tagli di Co2. Il presidente francese Sarkozy ha proposto invece di fare un altro incontro a novembre tra i leader dei paesi più sviluppati per aiutare la preparazione della Conferenza di Copenhagen che si svolgerà a dicembre. Più critico invece il ministro dell’ambiente svizzero Moritz Leuenberger, che pur constatando un miglioramento nell’amministrazione Obama rispetto a quella Bush in tema ambientale, ha sottolineato «la mancanza di obiettivi chiari dai due maggiori produttrici di Co2, Usa e Cina».

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook