Conferenza di Copenhagen 2009, Prestigiacomo: “Dialogo difficile”

Prestigiacomo_Copenhagen

Un “dialogo tra sordi“. Così il Ministro per l’ambiente, Stefania Prestigiacomo, si è espressa in merito alle difficoltà di trovare un accordo condiviso a Copenhagen.

Nonostante il fatto che l’Europa abbia finalmente fatto fronte comune superando le differenti opinioni iniziali, le difficoltà legate al raggiungimento di un documento vincolante sembrano farla da padrone. “Per la prima volta – ha dichiarato il Ministro Prestigiacomocome Ue parliamo la stessa lingua e c’è una unità granitica“. Ma ovviamente non basta se gli altri paesi non seguono la stessa linea.

Da sola l’Ue può anche assumere degli impegni ma è un onere unilaterale non sufficiente per la finalità per cui siamo qui“. Il Ministro si riferisce mancanza di equivalenti impegni da parte di Paesi come gli Stati Uniti e la Cina che, ricordiamo, da soli producono il 40% delle emissioni. Ad essi vanno aggiunti gli altri grandi Paesi emergenti. Il rischio concreto è, secondo la Prestigiacomo, un nuovo fallimento dopo quello di Kyoto, un vero e proprio flop per il vertice di Copenhagen stesso. Proprio per questo, il Ministro ritiene “E‘ necessario uno sforzo straordinario e una motivazione ancora più forte per poter giungere ad una intesa qui a Copenhagen“.

Già ieri i Paesi africani che avevano abbandonato i tavoli delle trattative, hanno deciso di riprendere la partecipazione ai negoziati a seguito delle rassicurazioni arrivate sulla maggiore attenzione che verrà posta all’estensione degli obiettivi del Protocollo di Kyoto come da loro rischiesto.

Intanto si susseguono le manifestazioni di protesta. Ieri circa 200 persone hanno tentato di raggiungere il porto della capitale danese ma sono state bloccati dalla polizia. Vi è stata poi la sfilata di auto elettriche e ibride che, insieme a 7 CargoScooter made in Italy – prodotti dall’azienda di Padova Oxygen – hanno composto con le luci verdi la scritta Co2 dando vita alla più grande parata del mondo di veicoli ad impatto zero.

Vedremo oggi cosa succederà, sperando che in questi ultimi quattro giorni riesca a vedere la luce una soluzione che potrà salvare il futuro del pianeta.

Francesca Mancuso

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Seguici su Instagram
seguici su Facebook