Clima: in Piemonte persi 20 ghiacciai in 50 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Piemonte perde 20 ghiacciai. Negli ultimi 50 anni la regione è passata da 118 a 98. Ma non solo. La superficie totale si è dimezzata passando da 56,4 kmq a 28 kmq. È questo l’amaro bilancio fornito da uno studio a quattro mani realizzato dall’Università degli Studi di Milano e Levissima.

Confrontando alcune recenti foto aeree a grande scala con i dati del precedente catasto realizzato dal Comitato Glaciologico Italiano nel 1959-1962, la ricerca ha quantificato la perdita dei ghiacciai piemontesi dal 1960 ad oggi. E i risultati, com’è facilmente intuibile, sono tutt’altro che rassicuranti.

All’interno del Piemonte, secondo lo studio, occorre fare una distinzione, individuando due grandi sottoinsiemi di ghiacciai. Al primo fanno capo i gruppi montuosi più elevati dove la riduzione areale è stata relativamente ridotta, ossia inferiore al -50% rispetto alla superficie di partenza. Quali? Due esempi su tutti: il Gran Paradiso e il Monte Rosa. In quest’ultimo caso, è stata registrata la riduzione più limitata (-37 %) per via della quota elevata e della superficie media di partenza relativamente estesa. Non a caso qui si trova il ghiacciaio più esteso del Piemonte, il Belvedere, la cui area è di 4,5 kmq.

Del secondo gruppo fanno parte i ghiacciai che si sono notevolmente ridotti, soprattutto nella parte meridionale della regione. Tra essi il gruppo del Monviso. A causa dei versanti molto ripidi, i ghiacciai hanno avuto maggiore difficoltà a svilupparsi e al tempo stesso a resistere all’aumento delle temperature. È qui che è stata registrata la maggiore perdita, con bacini ormai frammentati.

La fase di regresso glaciale è più accentuata nei settori meridionali del Piemonte, come le Marittime e il Monviso, dove condizioni altimetriche, climatiche e morfologiche non favoriscono la conservazione dei ghiacciai. Questa regione è inoltre caratterizzata da un’intensa copertura detritica superficiale, fenomeno che vede vaste placche di ghiaccio coperte dai detriti, e ciò ne ha reso più complicato lo studio, nonché il confronto con i catasti precedenti”, ha detto all’Adnkronos Claudio Smiraglia dell’Università degli Studi di Milano, a capo del progetto.

Uno studio simile è stato svolto di recente anche in Lombardia, all’interno di un unico progetto di ricerca dell’Università degli Studi di Milano insieme a Levissima. L’obiettivo finale è la realizzazione di un nuovo catasto dei ghiacciai italiani entro il 2014.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

I ghiacciai alpini si scioglievano anche nel 1800: colpa della Rivoluzione Industriale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook