Clima: la Terra si sta riscaldando a un ritmo mai registrato negli ultimi 1000 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cambiamenti climatici e super caldo. Dopo anche luglio non è stato da meno: per il decimo mese consecutivo è stato raggiunto un record mensile di temperatura, qualificando luglio come il mese più caldo da quando sono iniziate le rilevazioni strumentali della temperatura nel 1880.

Segno, tutto ciò, che il nostro pianeta si sta riscaldando a un ritmo velocissimo, mai visto negli ultimi mille anni.

LEGGI anche: IL NOSTRO PIANETA HA LA ‘FEBBRÈ ALTA, ANZI ALTISSIMA

A lanciare l’allarme è la Nasa, secondo cui è “molto improbabile” che si riesca a mantenere l’aumento della temperatura globale entro il limite di 1,5-2 gradi come concordato alla Cop 21 di Parigi. E Gavin Schmidt, coordinatore dei climatologi dell’agenzia americana, avvertec’è il 99% di probabilità” che tutto il 2016 stabilirà un nuovo record annuale sul termometro, “superando” il 2014 e il 2015. Negli ultimi 30 anni ci siamo mossi in un territorio eccezionale, mai sperimentato prima nel giro di mille anni”.

LEGGI anche: COP21: RATIFICATO L’ACCORDO DI PARIGI, MOMENTO STORICO. MA L’ITALIA È LONTANA DAGLI OBIETTIVI GLOBALI

Insomma, per quest’anno la temperatura media globale ha già raggiunto il picco di 1,38 gradi centigradi rispetto ai livelli registrati nel 19esimo secolo. Un numero già molto vicino al limite di 1,5 gradi di aumento rispetto ai livelli pre-industriali, indicato alla conferenza di Parigi. Limite che, se superato, avrà effetti devastanti.

Mantenere l’aumento della temperatura entro 1,5 gradi richiede significativi e consistenti tagli di emissioni di CO2 o interventi coordinati di geo-ingegneria”, ha spiega toSchmidt.

temperatura globo nasa

E lo stiamo facendo? Nemmeno per sogno, e nemmeno per contenere l’aumento entro i 2 gradi. Con questo ritmo così crescente del riscaldamento globale, concludono gli esperti, il nostro Pianeta si riscalderà nei prossimi cento anni a una velocità “almeno 20 volte superiore” rispetto alla media storica.

Una devastazione cui si aggiungerà l’inevitabile scioglimento dei ghiacci artici che anche quest’anno ha conosciuto un nuovo record negativo. Le soluzioni? Quelle concrete le si conoscono eccome, ma qualcuno probabilmente crede che ci sia ancora tempo.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook