Cile, al via l’inizio dell’abbandono del carbone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Cile dice addio al carbone. Il Ministro dell’ambiente Marcelo Mena ha appena annunciato “l’inizio della fine del carbone”.

Inizialmente, l’annuncio si tradurrà nel porre fine allo sviluppo di nuove centrali ma i grandi player energetici del paese stanno dando vita anche a un nuovo gruppo di lavoro col compito di eliminare gradualmente le centrali a carbone esistenti.

Stando alle parole della presidente Michelle Bachelet, il Cile eliminerà la produzione di energia da carbone, dopo aver siglato anche un accordo con le sue principali utility per non costruire altri impianti inquinanti.

Il gruppo di lavoro svilupperà un piano per sostituire la capacità di carbone esistente. Nel quadro della politica energetica del paese, entro il 2050 si dovrà produrre il 70% dell’energia da fonti rinnovabili.

Con un tweet, il Ministro Mena ha reso note le intenzioni del paese:

“Grazie alla significativa riduzione dei costi e alla massificazione delle tecnologie di generazione rinnovabile che sono state incorporate nella nostra matrice energetica, l’industria della generazione elettrica vede un futuro sempre più rinnovabile, dove la generazione termoelettrica non sarà più la principale fonte di energia e, insieme con l’energia idroelettrica, le altre tecnologie rinnovabili e lo stoccaggio, si andrà ad integrare la produzione a intermittenza di energia solare fotovoltaica ed eolica in assenza di luce solare o vento” spiega l’associazione formata da 9 membri: AES Gener, Colbun, Enel, Engie, Pacific Hydro, Orazul, EDF, Cerro Dominador e Statkraft.

Nel 2017, il 47% dell’elettricità del paese è stata generata dal carbone, il 41 dall’idroelettrico, il 7,2% dal solare e il 4,17 dall’eolico.

Negli ultimi anni, il Cile ha investito molto nel solare ma anche nelle batterie al litio, in grado di stoccare l’energia pulita prodotta in eccesso e metterla a disposizione.

cile energia

LEGGI anche:

Il paese sta avviando numerose iniziative a favore dell’ambiente, non solo sul fronte della produzione di energia. Di recente, è stato dato l’ok definitivo alla realizzazione di una serie di parchi naturali.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook