Il terribile ciclone Idai ha creato un oceano di fango nel cuore del Mozambico. Le immagini apocalittiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Mozambico è in ginocchio. Il devastante ciclone Idai ha letteralmente cancellato la seconda città più grande del paese. Ma non solo. Ha creato una sorta di oceano interno, come mostrano le tremende immagini scattate dall’alto.

La città portuale di Beira, in cui vivono circa 500mila persone, è stata quasi rasa al suolo. Il 90% è stato distrutto anche per via della rottura di una diga, che ha contribuito al disastro. Le testimonianze parlano di corpi che galleggiano per le strade allagate. I soccorsi sono complicati anche dalle piogge, oltre che dall’isolamento delle zone colpite.

Anche se il bilancio è in continuo aggiornamento, si parla di almeno 200 morti e 600.000 persone ad alto rischio per gli effetti del ciclone.

Gravi sono anche i problemi sanitari che il centro sta vivendo. Si teme per la diffusione un’epidemia di colera dovuta alla contaminazione delle acque. Vari reparti dell’ospedale centrale sono inagibili e la maggior parte dei centri sanitari non è in grado di far fronte all’emergenza.

In più, la popolazione ha difficoltà ad accedere al cibo. I magazzini delle riserve alimentari e le sementi per le coltivazioni sono andati completamente distrutti.

idai mozambico

Secondo il Presidente Filipe Nyusi, i morti potrebbero essere addirittura un migliaio.

“Il ciclone tropicale Idai, che ha colpito la scorsa settimane le coste del Mozambico e che ha provocato morti e devastazioni anche in Zimbabwe e in Malawi, potrebbe essere uno dei più gravi disastri ambientali ad aver colpito l’emisfero meridionale” ha dichiarato un funzionario delle Nazioni Unite.

Un oceano di fango nel cuore del Mozambico

Come se non bastasse, il violento ciclone ha allagato una superficie con raggio di 100 chilometri. Circa 350mila abitanti sono bloccati dall’acqua. Oltre a quella di Beira, altre dighe rischiano di crollare. Un pericolo che fa tremare le autorità visto che il livello dell’acqua in esse presente è al di sopra dei limiti di sicurezza.

Per questo, è stata disposta l’evacuazione delle persone che vivono nei pressi dei fiumi anche perché è possibile che il governo decida di aprire le dighe. Tra le sorvegliate speciali vi sono soprattutto la diga di Chicamba, a nord-ovest di Beira, e quella di Mavuzi.

Le colossali dighe di Kariba e Cahora Bassa sul fiume Zambesi non sono considerate a rischio ma entrambe sono state costruite circa 50 anni fa e la Kariba ha bisogno di manutenzione urgente.

“Dove c’era terra, ora c’è il mare. La città stessa è completamente isolata. È davvero un’isola nell’oceano “, ha detto Matthew Cochrane della Croce Rossa.

Un pilota che ha sorvolato il bacino del fiume Buzi in Mozambico, ha detto:

“Abbiamo visto molte persone bloccate sui tetti circondati da chilometri di acqua. È stato difficile capire e pensare che probabilmente molti sono morti “, ha detto Rick Emenaker al sito sudafricano Lowvelder.

mozambico idai
mozambico idai2
mozambico idai3
mozambico idai4Foto: MAF

Tra i i paesi colpiti dal ciclone vi sono anche lo Zimbabwe e il Malawi, ma il Mozambico è quello in cui la situazione è più grave. Più di 2,6 milioni di persone potrebbero essere colpite in tutti e tre gli stati. Le vittime dello Zimbabwe e del Malawi sono rispettivamente di 98 e 56.

Una vera e propria strage.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook