Siamo l’ultima generazione in grado di combattere il cambiamento climatico. Parola di Ban Ki Moon

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siamo l’ultima generazione in grado di combattere il cambiamento climatico e abbiamo il dovere di agire.

A dirlo non sono gli ambientalisti, ma l’ottavo e attuale Segretario generale delle Nazioni Unite in persona. Sono infatti le parole con cui Ban Ki Moon chiude un suo editoriale su The Guardian.

“Quest’anno l’ONU segna il suo 70 ° anniversario. Purtroppo, c’è poco tempo per riflessioni e celebrazioni. Molto più urgenti sono le richieste e le sfide alimentate da un aumento dei conflitti, delle malattie e delle sofferenze umane. Tutto ciò costringe la comunità internazionale a impegnarsi di più e fornire la leadership necessaria per affrontarli”, dice il Segretario generale.

Si va dall’Ebola, che continua ad affliggere l’Africa occidentale, dove l’epidemia è stata una grande sconfitta per lo sviluppo, all’inasprimento di conflitti ed estremismo, passando per l’eliminazione del programma di armi chimiche della Siria, le tensioni in Ucraina, Nigeria, Yemen, Darfur, e, immancabile, per il riferimento agli attacchi terroristici a Parigi.

In un 2014 caratterizzato da tutte queste turbolenze, gli stati membri delle Nazioni Unite, ricorda Ban Ki Moon, hanno proposto anche una bozza iniziale degli obiettivi di sviluppo sostenibile, che guideranno gli sforzi contro la povertà per la prossima generazione.

Ulteriori negoziati inizieranno questo mese e culmineranno in un vertice speciale a New York a settembre, con l’adozione di un programma di sviluppo che possa contribuire ad affrontare la disuguaglianza, l’emancipazione delle donne e promuovere una prosperità condivisa.

Quanto al clima, “dobbiamo puntare in alto: verso l’adozione di un accordo ambizioso e universale a Parigi nel mese di dicembre, necessario per mantenere l’aumento delle temperature globali al di sotto della soglia di pericolo dei 2C”, conclude il Segretario generale, ricordando come la nostra è la prima generazione che può porre fine alla povertà, e l’ultima che può prendere misure per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: 4 scenari possibili dell’aumento delle temperature (infografica)

ONU: i 15 disastri del 2013 imputabili ai cambiamenti climatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook