©francoillustration/123rf

Asciugatrice vs auto: tutte le idee sbagliate che abbiamo su come ridurre l’inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Foreste in fiamme o fenomeni estremi, allevamenti intensivi o microplastiche. In tutto il mondo le persone dicono di capire quali azioni devono intraprendere per prevenire simili disastri ambientali e fermare in qualche modo il cambiamento climatico, ma lo fanno davvero? E, soprattutto, hanno capito come farlo?

Un grande studio pone al centro un dato sconfortante: quelle che abbiamo sono per lo più delle “percezioni errate”. La maggior parte delle persone non è in grado di identificare quali decisioni sullo stile di vita siano le più efficaci e quali meno per limitare la propria impronta di carbonio.

Leggi anche: 10 Comandamenti Green che ognuno di noi dovrebbe rispettare per salvare il Pianeta

Si tratta del grande sondaggio Ipsos Mori esclusivo del Financial Times condotto su oltre 21mila persone in quasi 30 paesi, che mostra un divario nella percezione dell’impatto sul clima delle azioni personali

In tutti i paesi, la persona media che ha preso parte all’indagine ha classificato quasi costantemente l’esclusione delle asciugatrici e il passaggio alle lampadine a basso consumo come i modi più efficaci per ridurre le emissioni individuali, piuttosto che non possedere un’auto o scegliere una dieta a base vegetale. Nella realtà, un individuo che utilizza forme di viaggio a minore impatto, invece di guidare un’auto, potrebbe impedire che una media di 2,4 tonnellate di anidride carbonica equivalente venga rilasciata nell’atmosfera ogni anno in un paese sviluppato. L’asciugatura all’aria dei vestiti risparmierebbe solo 0,2 tonnellate di emissioni di carbonio all’anno per persona.

In confronto, le emissioni annue totali di gas serra, compresa l’anidride carbonica, sono di circa 10,4 tonnellate pro capite nei paesi ad alto reddito, rispetto alle 12 tonnellate del 2000.

Le emissioni annuali globali di gas serra, inclusa l’anidride carbonica, sono di circa 51 miliardi di tonnellate. Si tratta di oltre il 40% in più rispetto alle emissioni del 1990, che erano di circa 35 miliardi di tonnellate.

La nostra ricerca mostra che il problema della crisi ambientale è familiare alle persone di tutto il mondo – dice Kelly Beaver, amministratore delegato degli affari pubblici di Ipsos Mori. Ma le persone rimangono confuse su quali azioni hanno maggiori probabilità di avere un effetto significativo sulla loro impronta di carbonio“.

Lo studio

Ipsos ha intervistato un totale di 21.011 adulti di età compresa tra 18 e 74 anni negli Stati Uniti, Canada, Hong Kong, Israele, Malesia, Sud Africa e Turchia e tra i 16 ei 74 anni in altri 24 mercati tra venerdì 19 febbraio e venerdì 5 marzo. 2021.

cambiamenti clima

©FT

Quando è stato chiesto di identificare da un elenco le tre opzioni principali che avrebbero ridotto maggiormente le emissioni di gas a effetto serra di un individuo che viveva in uno dei mercati più ricchi del mondo, le persone in tutto il mondo erano più propense a scegliere il riciclaggio (59%), l’acquisto di energia da fonti rinnovabili (49%) e la sostituzione di un’auto con un veicolo elettrico o ibrido (41%).
Ma, anche se tutti questi siano validi modi per ridurre l’impatto del cambiamento climatico personale, nessuno di fatto è tra le prime tre misure più efficaci.

Quali sono invece?

Quali sono le azioni che impattano di meno?

cambiamenti clima FT

©FT

Una misura che ci gusta poco, probabilmente, ma avere un figlio in meno è il modo più efficace per ridurre le emissioni di carbonio, seguito dal non avere affatto un’auto ed evitare un volo aereo (Leggi anche: La Francia vieta i voli brevi se si può viaggiare in treno, per ridurre le emissioni).

Solo 1 su 10 (11%) in tutto il mondo dichiara di non avere figli come una delle prime tre misure per ridurre le emissioni di carbonio, il 17% ha scelto di non avere un’auto e il 21% di evitare un volo a lunga distanza. Questo è anche alla base di altre azioni molto meno efficaci come stendere i vestiti (raccolti dal 26%) o sostituire le lampadine tradizionali con quelle a basso consumo energetico (36%).

Andando oltre, la ricerca ha anche presentato una gamma più ampia di azioni che le persone potrebbero intraprendere e ha chiesto quali potessero apparire in un elenco delle prime 30 azioni per ridurre l’impatto del cambiamento climatico personale. Le azioni più scelte, “meno imballaggio” (scelto dal 52% in media) e “acquisto di articoli meno o più durevoli” (46%), che sono entrambi al di fuori delle prime 30 (classificate rispettivamente 38esimo e 46esimo per la riduzione dell’impatto del cambiamento climatico personale).

Tuttavia, l’azione più efficace nell’elenco, ristrutturare e rinnovare alloggi secondo schemi di efficientamento energetico (che è al 6° posto su 30), è stata scelta solo dal 35% (ma in Belgio dal 61%, in Ungheria dal 68% e nei Paesi Bassi dal 56% è stata scelta questa come la loro azione numero uno). L’elemento meno scelto, non avere animali domestici (scelto in media dal 5%) è tra i primi 30 (classificato al 25 ° posto per la riduzione dell’impatto del cambiamento climatico personale).
Gli intervistati sono stati più precisi nella scelta di come mangiare, utilizzando combustibili più puliti o energie rinnovabili (46%, posizione reale: 9°), coltivando o producendo il proprio cibo (37%, posizione reale: 23°) o car pooling / condivisione (36 %, posizione reale: 27°).

Chi conosce il cambiamento climatico?

Secondo la ricerca, il cambiamento climatico spiazza più persone di quanto si pensi. A livello globale, le persone sottovalutano la questione delle migrazioni e degli sfollamenti causati proprio dal cambiamento climatico. Due su cinque (43%) ritengono che i conflitti siano la principale causa di sfollamento interno, mentre un terzo (32%) ha scelto i disastri climatici e meteorologici.

Nella realtà, 9,8 milioni di persone sono state sfollate a causa dei cambiamenti meteorologici o climatici nei primi 6 mesi del 2020, rispetto ai 4,8 milioni di sfollati a causa del conflitto.

Dei paesi esaminati, solo gli Stati Uniti (43%), il Giappone (41%), la Cina (40%), la Francia (39%) e la Russia (35%) erano più propensi a dire che il cambiamento climatico era la principale causa delle migrazioni di massa.

Leggi anche: Malattie, inondanzioni, parassiti delle zanzare, scarsità d’acqua… il riscaldamento globale è peggiore del 20% nel Mediterraneo

Pochi sono, infine, coloro che sanno che gli ultimi sei anni sono stati tra i più caldi mai registrati. Alla domanda quanti anni dal 2015 siano stati i più caldi mai registrati, la maggior parte non sa rispondere. Chi ha risposto tendeva a sottovalutare. Solo il 4% degli intervistati in tutto il mondo ha dato la risposta corretta di tutti i sei anni. Mentre il 73% non sapeva quanti anni sono stati i più caldi mai registrati, un ulteriore 23% ha dichiarato meno di 6.

Cambiamento climatico e dieta

Secondo la ricerca, seguire una dieta a base vegetale fa più differenza per l’impronta di carbonio rispetto al mangiare locale, ma il pubblico pensa che sia il contrario. Quasi 6 persone su 10 in tutto il mondo (57%) affermano che seguire una dieta di produzione locale, inclusi carne e latticini, sia il modo migliore per ridurre le emissioni di gas serra di un individuo, mentre solo il 20% afferma che seguire una dieta vegetariana con alcuni prodotti importati lo è più efficace.

Solo quelli in India hanno maggiori probabilità di scegliere una dieta vegetariana come opzione più efficace (47%), mentre quelli in Ungheria (77%), Svizzera (73%) e Francia (70%) hanno maggiori probabilità di scegliere una dieta locale come il modo migliore per ridurre le emissioni di gas serra.

Anche la comprensione da parte del pubblico dell’impatto relativo della carne e dei chilometri è bassa. Non si ha ancora idea di quanto le emissioni di carbonio degli hamburger siano equivalenti a quelle di un’auto. 

Fonti: Ipsos Mori / Financial Times

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Dall’iPhone al Samsung, i migliori smartphone da acquistare ricondizionati

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook