Caccia: apre in tragedia la stagione venatoria. Morto un cacciatore cagliaritano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La stagione venatoria si apre ufficialmente il 18 settembre, ma nel primo giorno di pre-apertura, fissato per oggi in 15 regioni italiane, a balzare all’onore delle cronache non sono solo le numerose le polemiche delle associazioni ambientaliste, ma la notizia che c’è già una vittima. Non si tratta di un uccellino o di un coniglio, quelli ce ne sono stati purtroppo a migliaia, ma di un uomo.

Maurizi Tasini, cacciatore sardo di 40 anni di Quartu Sant’Elena, è rimasto ucciso in un fatale incidente nell’hinterland cagliaritano in localita’ ‘Terra is paras’, nel Comune di Qurtucciu. Il corpo senza vita è stato trovato questa mattina da altri cacciatori, che hanno subito allertato i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Quartu e il 118.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo sarebbe stato raggiunto sul fianco da 2 colpi accidentali partiti dal suo fucile, una doppietta calibro 12 appoggiata senza sicura per terra o su un cespuglio. La disattenzione potrebbe forse essere dovuta a una chiamata al cellulare, che giaceva sotto il corpo inerme.

Tasini è deceduto sul colpo. Ora il magistrato ha disposto l’autopsia sul cadavere che, nel frattempo, è stato trasportato all’obitorio del policlinico universitario di Monserrato.

Una triste storia, purtroppo non la prima, che dimostra ancora una volta quanto la caccia possa rivelarsi uno “sport” crudele, inumano e sanguinario.

E mentre si moltiplicano le dichiarazioni contro l’apertura anticipata, dal Wwf che si scaglia contro “l’assoluta mancanza di una seria programmazione che leghi l’attività di caccia alla effettiva consistenza delle popolazioni faunistiche”, alla Lipu che sostiene che il calendario “presenta elementi di illegittimità”, da qualche parte c’è una famiglia che piange la morte di un caro.

Il guaio è che siamo solo all’inizio e il 30 gennaio 2012, giorno di chiusura appare molto, molto lontano.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook