Boschi al posto dei ghiacci in Groenlandia entro il 2100

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel 2100, un clima più caldo consentirà la crescita di alberi e arbusti in gran parte della Groenlandia, in zone attualmente prive di ghiaccio. Lo hanno stabilito i ricercatori della Aarhus University in una ricerca pubblicata sulla rivista Philosophical Transactions della Royal Society.

Gli scienziati si aspettano che il clima del prossimo futuro sarà più caldo, nell’Artico in particolare. Qui la temperatura dovrebbe aumentare notevolmente rispetto alla media sulla Terra. Cosa significherà questo per la Groenlandia? Un cambiamento molto significativo, con la nascita di intere foreste.

Il team ha cercato anche di capire quali specie saranno in grado di crescere nel clima previsto in Groenlandia nel 2100. L’analisi mostra che la maggior parte delle 44 specie importanti di alberi e cespugli dell’America e dell’Europa del Nord sarà in grado di crescere in Groenlandia nel futuro. Questa teoria, spiega il team, è supportata non solo dalle analisi, ma anche da esperienze reali, in cui varie specie di alberi sono state piantate con successo in Groenlandia, tra cui il larice siberiano, l’abete bianco, il pioppo e il pino.

Entro la fine del secolo, anche la betulla nana artica sarà probabilmente in grado di trovare qui habitat adatti, nelle zone attualmente privi di ghiaccio e ben oltre la sua attuale distribuzione. Stiamo parlando di un’area grande quasi quanto la Svezia.

Ma, come recita la saggezza popolare, “non tutto il male vien per nuocere“. I ricercatori, infatti, stimano diversi vantaggi per il Paese, a partire da nuove opportunità per attività come caccia e commercio dei frutti di bosco e del legno, passando per una diminuzione dell’erosione. Gli abitanti, però, dovranno far bene attenzione alle piante invasive: con questo habitat potrebbero attecchire rapidamente e minacciare le specie autoctone.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Groenlandia: lo scioglimento record che preoccupa gli scienziati

La Groenlandia si sta sciogliendo più velocemente del previsto

Alaska senza nubi. Altro che bella foto, e’ colpa del clima!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook