Bolsonaro vuole costruire un’autostrada al centro di un parco nazionale protetto in Amazzonia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una striscia di asfalto taglierà in due il Serra do Divisor, parco nazionale brasiliano tra i più ricchi di biodiversità, invadendo le terre di almeno tre popolazioni indigene. È quanto prevede il nuovo progetto di estensione di un’autostrada che percorre oltre 4mila chilometri da San Paolo allo stato amazzonico di Acre. All’autostrada saranno aggiunti altri 130 km per collegare la città di Cruzeiro do Sul con la città di confine peruviana di Pucallpa, attraversando un territorio che ospita oltre un centinaio di specie di mammiferi e più di 400 specie di uccelli.

Il folle progetto è sostenuto e voluto dal governo guidato da Jair Bolsonaro, secondo il quale l’estensione dell’autostrada BR-364 non distruggerà la foresta ma favorirà l’economia di questa remota regione “dimenticata e invisibile al resto del paese” creando una rete per il trasporto di prodotti agricoli che potranno raggiungere i porti ed essere esportati.

Gli oppositori sostengono invece che la costruzione della nuova strada sia inutile e dannosa e che possa avere conseguenze ambientali catastrofiche, danneggiando ulteriormente l’Amazzonia, il cui livello di deforestazione non è mai stato tanto elevato quanto ora. Inoltre, se il progetto dovesse essere approvato, saranno colpite almeno tre comunità indigene isolate: Nukini, Jaminawa e Poyanawa.

“La strada dovrebbe passare a circa un chilometro dalle nostre terre. Una delle mie maggiori preoccupazioni è che questo tratto sia sede di alcune delle più importanti fonti d’acqua del bacino amazzonico. L’Alto Juruá fornisce tutte le acque che sfociano nel Rio Solimões e poi nel Rio Negro, fino a raggiungere il mare. Tutti questi fiumi potrebbero essere realmente colpiti e questo potrebbe causare la scomparsa di importanti sorgenti in Amazzonia. Con ciò, molte specie potrebbero scomparire “. ha dichiarato Luís Puwe Puyanawa, leader indigeno locale che si oppone al progetto, che ha aggiunto: “La verità è che nessuno ad Acri ha bisogno di questa rotta transoceanica – c’è già una strada che ci collega al Perù. Ciò di cui abbiamo bisogno è lasciare la foresta in piedi.”

Secondo Miguel Scarcello del gruppo ambientalista SOS Amazônia, il progetto è “irresponsabile”, rappresenta “una visione antiquata, che non presta assolutamente attenzione alla conservazione” e riporta il Brasile ai tempi della dittatura militare del 1964-85 quando la costruzione di strade nell’Amazzonia hanno decimato le comunità indigene e inflitto “un’immensa distruzione” di aree precedentemente inaccessibili della foresta pluviale.

“Non siamo più negli anni ’60. È come se non avessimo imparato nulla dagli effetti che questo potrebbe causare e quanta distruzione potrebbe essere causata. Dicono che porterà sviluppo ma, come sempre, sarà sviluppo per una mezza dozzina di persone”, ha commentato Scarcello.

Ambientalisti e indigeni accusano Bolsonaro di aver smantellato il sistema di protezione ambientale del Brasile, causando un’impennata della deforestazione in’Amazzonia per favorire le attività produttive e questo non è che l’ultimo progetto del governo sempre nella stessa direzione: la distruzione dell’ambiente a favore dell’economia.

Fonte di riferimento: The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook