Bologna approva lo stato di emergenza climatica grazie alla protesta di Extinction Rebellion

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bologna dichiara lo stato di emergenza climatica, ambientale ed ecologica, e sebbene non sia la prima città a farlo, è la prima che lo fa seguendo le linee guida del famoso movimento per il clima e contro l’estinzione umana “Extinction Rebellion“.

Gli obiettivi che si propone il Comune sono radicali, dalle emissioni zero al rimboschimento, dai disincentivi alle aziende inquinanti alle assemblee cittadine permanenti.

E gli attivisti di Extinction Rebellion Bologna si sono complimentati con la città sulla propria pagina facebook per la decisione presa, affermando che si tratta della dichiarazione più ambiziosa e completa d’Italia ottenuta finora:

“Oggi è una giornata storica per Bologna: non è stata approvata una, ma ben due dichiarazioni di emergenza climatica ed ecologica – con la complessità e le ambiguità che questo comporta. Il percorso che ci ha portato fin qui è stato un percorso di studio, di sacrificio e di notti insonni. Abbiamo prodotto un testo, lo sciopero della fame di Filippo lo ha portato all’attenzione del consiglio comunale, e le nostre due notti di mobilitazione in piazza hanno costruito momenti di confronto con la cittadinanza e messo pressione sulle istituzioni. Per questo ringraziamo tutte le attiviste di Extinction Rebellion Bologna.”

Hanno quindi ringraziato la Consigliera Comunale Emily Clancy, che li ha aiutati a portare il testo all’attenzione del consiglio, Andrea Colombo, per aver fatto da mediatore con la maggioranza, e Dora Palumpo.

Inoltre hanno dichiarato di essere soddisfatti dei risultati ottenuti perché finalmente Bologna ha spezzato il silenzio istituzionale, ha riconosciuto l’emergenza ambientale, e ha manifestato l’intenzione di agire immediatamente in una prospettiva sostenibile.

Tra i nuovi obiettivi ambientali riportati dagli attivisti e approvati dalla città si annoverano:

  • raggiungere lo zero netto di emissioni entro il 2030 e il 50% in meno entro il 2025, cosa unica in Italia;
  • tutela e incremento del verde;
  • disincentivi per le aziende e industrie che non si adeguano agli obiettivi di riduzione dei gas serra;
  • introduzione di una road map con le varie misure da intraprendere entro 100 giorni;
  • costituzione di assemblee cittadine per diffondere maggiore consapevolezza e partecipazione politica.

Ti potrebbe interessare anche:

Un nuovo Banksy a Londra? Comparso nuovo murales a sostegno di Extinction Rebellion

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook