Bicarbonato: l’ultima frontiera per assorbire le emissioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal bicarbonato di sodio la soluzione per ridurre la CO2 dall’aria? Nota per i suoi numerosi usi, dalla cosmesi alle pulizie domestiche e al bucato, questa sostanza sarebbe anche in grado di ripulire l’atmosfera come dimostrano le microsfere del Lawrence Livermore National Laboratory.

In collaborazione con gli scienziati della Harvard University e della University of Illinois di Urbana-Champaign, il team di ricercatori ha sviluppato un nuovo tipo di supporto per la cattura del carbonio: quello che sembra quasi caviale in realtà è un sistema di microcapsule caratterizzate dalla parte esterna altamente permeabile e con un fluido all’interno (un composto a base di carbonato di sodio) che reagisce con l’anidride carbonica e la assorbe.

I metodi attualmente utilizzati per ridurre le emissioni, anche se a volte efficaci, possono essere dannosi per l’ambiente. Per questo, la nuova ricerca si è basata sui carbonati, sostanze decisamente meno aggressive. Ad oggi, le microcapsule sono utilizzate già in altri ambiti, ad esempio per il rilascio controllato di alcuni farmaci ma questa è la prima volta che si applica il sistema alla cattura della CO2. Potrebbero anche essere usate a scopo preventivo, ad esempio pdirettamente nella produzione industriale dell’acciaio e del cemento.

Il nostro metodo è un enorme miglioramento in termini di impatto ambientale, perché siamo in grado di utilizzare il semplice bicarbonato di sodio – presente in ogni cucina – come sostanza chimica attiva”, ha dichiarato Roger Aines, uno dei membri del team del Lawrence Livermore. “Mettere la soluzione di carbonato all’interno delle capsule permette di utilizzarle per la cattura di CO2 senza contatto diretto con la superficie del materiale”.

Rispetto a quanto accade con altri assorbenti, queste microcapsule reagiscono solo con il gas di interesse. Si tratta di una forma di “incapsulamento” che aumenta notevolmente l’assorbimento.

È ‘tutta una questione di superficie,” ha detto Jennifer Lewis della Harvard School. “Le capsule forzano il bicarbonato di sodio a rimanere in piccole goccioline e queste ultime reagiscono più velocemente”.

I vantaggi sarebbero molti. Eliminare la CO2 dall’atmosfera aiuterebbe a limitare l’aumento globale delle temperatura, visto che l’anidride è un gas serra. Certo, intutile dire che la soluzione migliore sarebbe quella di ridurre il più possibile la quantità di emissioni, eliminando il problema alla radice. Visto che però al momento sembra difficile, ben vengano soluzioni in grado di ripulire l’aria che respiriamo dai veleni rilasciati… con il bicarbonato.

Lo studio è stato pubblicato su Nature.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Bicarbonato di sodio: che cos’è e perché funziona

50 fantastici usi alternativi del bicarbonato di sodio

Il cemento mangia-smog tutto italiano che assorbe la CO2 come gli alberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook