Ben 14 milioni di filippini sono esposti alla minaccia tsunami

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circa 14 milioni di persone nelle Filippine sono esposte al rischio tsunami. Lo ha rivelato una nuova analisi condotta dal Dipartimento di Scienza e Tecnologia dell’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia, in occasione (Phivolcs) della Giornata mondiale della consapevolezza dello tsunami (WTAD), che si è svolta ieri.

L’aspetto davvero inquietante è che secondo il Phivolcs, la popolazione non solo deve essere consapevole del rischio tsunami ma deve adeguatamente prepararsi a questa “nuova normalità”.

“Le Filippine sono vulnerabili allo tsunami a causa della presenza di faglie e trincee offshore. Sulla base di studi, circa 10-14 milioni di persone vivono vicino alle coste che potrebbero essere colpite da un eventuale tsunami “, ha detto Renato Solidum Jr., Sottosegretario DOST e Ufficiale responsabile di Phivolcs,”Uno tsunami generato localmente può arrivare in pochi minuti, quindi è importante riconoscere i segni naturali: tremori, crolli o un frastuono, in modo che le persone possano rispondere adeguatamente”.

Sono state avviate una serie di attività per sensibilizzare la comunità filippina, in particolare i giovani, sul rischio tsunami. Nel 2016, le Nazioni Unite hanno dichiarato il 5 novembre Giornata mondiale della sensibilizzazione allo tsunami in onore di una storia vera accaduta in Giappone: “Inamura-no-hi”, che significa “la combustione dei covoni di riso”. Durante un terremoto del 1854, un contadino vide la marea ritirarsi, segno di uno tsunami incombente e diede fuoco al riso raccolto per avvertire gli abitanti del villaggio, che riuscirono così a fuggire su un’altura, salvandosi.

L’occasione per ricordare alla popolazione delle Filippine che la possibilità di dover fronteggiare uno tsunami non è remota. Sulla base della valutazione e delle simulazione dei pericoli del Philvolcs nelle Filippine, la popolazione più esposta varia da regione a regione, ma nel complesso si aggira tra i 10 e i 14 milioni, su circa 100 milioni di abitanti. In altre parole, oltre una persona su 10 vive in zone a rischio.

tsunami filippine grafico

phivolcs

Gli tsunami nelle Filippine

Perché sono particolarmente pericolosi? Gli tsunami possono essere onde piccole o grandi generate da un evento sismico, frane sottomarine, attività vulcanica o impatto di meteoriti. Nelle Filippine il maggior rischio nasce soprattutto dal fatto che una volta formati, essi si muovono molto velocemente perché si originano in zone vicine alle coste. Ecco perché la popolazione locale deve essere adeguatamente preparata e deve sapere cosa fare.

Nel 1976, un terremoto di magnitudo 8.1 nel Golfo del Moro ha innescato uno tsunami alto fino a 9 metri. In quel caso, la prima violenta onda si abbattè sulle coste 5 minuti dopo il sisma e ha devastato Mindanao.

Situazione simile nel 1994, quando un terremoto di magnitudo 7.4 si è verificato a Mindoro e ha innescato una frana sottomarina e uno tsunami 5 minuti dopo il terremoto. Anche allora, le onde che raggiunsero le coste erano alte circa 8 metri.

In questi casi, è necessario sapere come comportarsi e agire in pochi istanti per sfuggire alla furia delle acque.

Fonti di riferimento: Phivolcs, abs-cbn,

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook